spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Illuminazione pubblica, la Lega Nord: “Ci sono località al buio da mesi”

    L'esempio di Fuma, alle porte di Tavarnuzze: "E intanto la popolazione è impaurita dai continui furti..."

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – "Alcuni cittadini ci segnalano da più di un mese che, lungo via Senese, in località Fuma, un piccolo tratto della frazione di Tavarnuzze, a far luce sono rimasti solo uno sparuto semaforo e l'insegna di un attività locale, perché tre lampioni non funzionano: le lampade sono bruciate".

     

    A dirlo è Lorenzo Somigli coordinatore Lega Nord Chianti. Che prosegue: "I cittadini ci riferiscono di aver più volte segnalato con email all'Urp il disservizio, ma a oggi ancora nessuno ha provveduto al ripristino delle lampade bruciate. Può sembrare un problema minore o di poco conto ma basta pensare a quanto aiuti i malintenzionati il buio per accorgersi che non è così".

     

    "La popolazione è impaurita visti i furti che si sono consumati proprio di recente" aggiunge Matteo Ottanelli referente Lega Nord Impruneta.

     

    "Anche la zona che va dalla rotatoria dell'uscita autostradale Firenze-Impruneta fino al cavalcavia prima dei Bottai – rilancia – è completamente al buoi; una zona quella dove ci sono fermate di Autobus,Sita e strisce pedonali: è pericoloso per i pedoni. Cosa aspetta il Comune di Impruneta a provvedere? Deve accadere qualche spiacevole episodio? Ci deve essere sempre un decesso per far svegliare le istituzioni?".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...