spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Attivissimo all’Impruneta: “Vogliamo dare una mano”. E ci mettono testa, cuore e… braccia

    IMPRUNETA – E' attivissimo il Comitato dei Genitori dei ragazzi che frequentano l'istituto comprensivo "Primo Levi" di Impruneta: dopo aver messo in piedi il progetto "Recuperalibri" (clicca qui per leggere l'articolo), ieri hanno iniziato anche un altro tipo di attività. Quella di imbianchini.

     

    Un segnale bello, pulito, importante: persone che si mettono a disposizione per dare una mano, senza fare polemiche ma confrontandosi e rimboccandosi le maniche. Ce ne fossero… .

     

    Sara Pratesi, uno dei membri del "Gruppo Imbiancatura" del Comitato Genitori di Impruneta, ci racconta: "Ieri io, Fulvio Moroni e Stefania Giusepponi abbiamo cominciato a imbiancare le aule della scuola "Domenico Ghirlandaio" di Tavarnuzze. Uno dei genitori, Paolo Del Sarto, che ringraziamo di cuore, ci ha messo a disposizione due secchi di tempera lavabile, due pennellesse e due pennelli; Fulvio ha portato tutta la sua attrezzatura personale e siamo partiti".

     

    "In un pomeriggio – ci spiega – dalle 15 alle 19 abbiamo fatto un'aula e un terzo del corridoio esterno immediatamente adiacente all'aula imbiancata. Le mura da coprire non sono troppo estese, ma l'imbiancatura è vecchiotta e i segni, le pedate, le macchie e le tracce dello scotch sul muro. sono tante; quindi ci sono volute anche fino a cinque mani di tempera. Però l'aula e il corridoio ne sono usciti veramente trasformati".

     

    "Speriamo di riuscire a fare anche almeno un'altra aula – sottolinea – E' poca cosa, si tratta di un segnale, ma confidiamo che tanti genitori si possano rendere conto che basta mettere un poco del proprio tempo a disposizione per rendere migliore l'ambiente in cui i bambini passano la maggior parte della giornata".

     

    Anche perché, come spiega Sara, "ancora molto rimarrebbe da fare: pulire a fondo l'ambiente, trovare i soldi per acquistare le famose tende, ravvivare i mobiletti di recupero con colori più vivaci… . Abbiamo davvero bisogno dell'aiuto di tutti! E anzi, se ci sono potenziali "imbianchini" interessati a darci una mano possono contattarci sulla nostra pagina di Facebook oppure scrivendoci all'indirizzo cdgimpruneta@gmail.com".

     

    "Come obiettivi a breve termine – rilancia Sara – vorremmo imbiancare anche una sezione alla "Sturiale" a Tavarnuzze. E abbiamo già detto all'amministrazione comunale che siamo disponibili a pulire le aule, riordinare i materiali e gli arredi con le insegnanti e imbiancare anche alla "Paolieri" a Impruneta tra fine agosto e l'inizio di settembre".

     

    "Dobbiamo molto di quanto riusciamo a fare al dirigente scolastico, Gabriele Olmi – tiene a dire Sara – che fino dall'inizio ha creduto nella costituzione del Comitato Genitori e nel contributo che i genitori potevano dare alla scuola".

     

    "Dall'amministrazione comunale – conclude – con la quale noi interagiamo attraverso il Consiglio di Istituto e il dirigente scolastico, ci aspettiamo che ci aiuti a concretizzare le nostre azioni possibilmente mettendoci a disposizione i materiali necessari e limitando al massimo la burocrazia che regola gli interventi nelle scuole. Ci siamo costituiti proprio per poter dare una mano, non per mettere in difficoltà gli uffici e gli amministratori".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...