spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cinque gli assessori nominati, fra gli uscenti presente solo Francesca Buccioni

    IMPRUNETA – Ci siamo per davvero: il neo sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei (in foto) comunica la giunta comunale che lo affiancherà nei prossimi cinque anni.

     

    Una squadra che arriva dopo una lunga riflessione, figlia anche delle mille valutazioni da fare in questi casi. Ma le valutazioni adesso sono arrivate al termine: e, con la fine della riflessione, le decisioni.

     

    Sembra che il "percorso a sinistra", ovvero di un'apertura immediata alla lista Il Coraggio di Cambiare, sia stato preso in considerazione. In particolare proprio dal sindaco. Ma alla fine è stato scartato. Probabilmente si cercherà un avvicinamento graduale, anche se è molto probabile che fin da subito Riccardo Lazzerini e gli altri due consiglieri comunali (Francesca Socci e Sandro Bressi), mettano in campo un'opposizione durissima.

     

    La stessa durissima opposizione che annuncia il MoVimento 5 Stelle, che ha già pronte tre interrogazioni per il primo consiglio comunale. Fra le quali una riguarderà le decisioni prese dal neo sindaco sulle posizioni dirigenziali. Obbiettivo Comune è invece già partito… d'anticipo, criticando ferocemente il percorso verso i lavori per la piazza di Tavarnuzze.

     

    Ma veniamo alla nuova giunta. Alessio Calamandrei sarà affiancato, come da promessa durante le primarie, da Joele Risaliti, che ha ritirato la sua candidatura per sostenere quella dello stesso Calamandrei.

     

    Poi Leonardo Sodini, già consigliere comunale della Margherita negli anni passati: a lui la delega, molto importante per il neo sindaco, alla partecipazione.

     

    Al bilancio un nome sconosciuto a molti, quello di Luca Binazzi, commercialista nato a Tavarnuzze che oggi vive a San Casciano: insomma, una sorta di "tecnico", conosciuto da tempo dallo stesso Calamandrei.

     

    All'urbanistica il "nome fiorentino" del quale si è parlato in questi giorni è quello di Enrico Bougleux, già assessore al governo del territorio con Mario Primicerio a Firenze, in una giunta di fine anni Novanta.

     

    Infine il nome sul quale il lavoro è stato forse più duro: quello di Francesca Buccioni, unico membro della giunta uscente confermato da Calamandrei (a lei andrà sicuramente la formazione scolastica). Buccioni che, come noto, affiancava l'avversario di Calamandrei (Marco Pistolesi) durante le primarie del Pd. E che adesso entra nella squadra del neo sindaco.

     

    Nei prossimi giorni presentazione ufficiale e poi, a seguire, primo consiglio comunale: il sindaco pare intenzionato a tenere per sé solo la delega ai trasporti pubblici. Per quanto riguarda comunque la deleghe ufficiali, verranno comunicate in seguito.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua