domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    Il mondo della Festa dell’Uva di Impruneta saluta Nello, storico rionale delle Fornaci

    Il presidente dell'Ente Riccardo Lazzerini: "Il nuovo Museo della Festa, in fase di realizzazione, ricorderà lui come tanti altri rionali che non ci sono più"

    IMPRUNETA – La notizia, tristissima, l’ha data il presidente dell’Ente Festa dell’Uva di Impruneta, Riccardo Lazzerini.

    Nello Ulivoli – annuncia – per tutti Nello, storico rionale delle Fornaci, ci ha lasciati all’età di 72 anni”.

    Un addio che arriva in uno degli anni più tristi per la gloriosa festa imprunetina, che a settembre non vedrà sfilare i carri in piazza a causa dell’emergenza da Covid-19.

    “Ci stringiamo ai suoi cari – riprende Lazzerini – alla figlia Valentina che ci ha ricordato che “l’eredità più importante che ha lasciato suo babbo è l’amore per la Festa dell’Uva””.

    “Mai come ora – dice convinto il presidente dell’Ente – in questo momento, con un museo in vista, abbiamo pensato alla sua figura come un simbolo da ricordare”.

    “Così come tanti altri rionali – anticipa – che ci hanno lasciato il loro contributo di amore e passione verso la nostra Festa”.

    L’ultimo saluto dedicato a Nello sarà lunedì 29 giugno alle 10 a San Casciano, presso la chiesa della Propositura.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...