spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Museo della Festa dell’Uva riapre con la mostra monografica di Alberto Bellosi

    L'esposizione, nella Sala Don Binazzi, ospita riproduzioni in terracotta di opere architettoniche. In contemporanea, riapre anche il Museo-Archivio

    IMPRUNETA – Il Museo della Festa dell’Uva riapre con la mostra monografica dedicata ai lavori di Alberto Bellosi.

    Sabato 29 maggio alle 10, la Sala Binazzi in piazza Buondelmonti, torna ad accogliere il pubblico con “Esposizione monografica di Alberto Bellosi” riproduzioni in terracotta di opere architettoniche, e la conseguente riapertura del Museo-Archivio della Festa dell’Uva.

    “Dopo sei mesi dallo stop obbligato – dice il presidente dell’Ente Festa dell’Uva, Riccardo Lazzerini – siamo lieti di poter ripartire da dove avevamo lasciato”.

    “La mostra di Alberto Bellosi – rilancia – sarà arricchita di opere inedite. Nell’occasione, per chi non lo avesse ancora visitato, sarà possibile adentrarsi nei locali che ospitano il Museo permanente della Festa dell’Uva”.

    Ingresso libero. Sarà anche possibile acquistare il Dvd “La magia della Festa dell’Uva” (docu-film inedito 10 euro).

    Orari Mostra e Museo Festa dell’Uva

    • Sabato ore 10-12.30/15.30-19

    • Domenica ore 10.30-12.30

    L’accesso sarà regolamentato dalle disposizioni del dcpm vigente in materia di Covid-19 e l’orario può subire variazioni.

    Per chi volesse visitare Il Museo e accedere all’archivio, può scrivere a: visitamuseouva@gmail.com.

    Per chi volesse prestare o donare materiale all’archivio, scriva a: archivio.museo.fdu@gmail.com.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua