spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il peposo di Impruneta in esclusiva su Rai 2: domani alle 13.30 aprirà TG2 Eat Parade

    Il piatto che identifica Impruneta aprirà la storica "striscia" enogastronomica: a fare da "Ciceroni", Enrico Poggi e Tiziano Baldi

    IMPRUNETA – In attesa del week end del Peposo Day (qui le info), il piatto iconico della tradizione imprunetina lo potrete vedere… su Rai 2.

    Domani infatti, venerdì 3 novembre, alle 13.30, il “TG2 Eat Parade”, la storica “striscia” enogastronomica del telegiornale della seconda rete della Rai, aprirà proprio con il peposo di Impruneta.

    “Il piatto – si legge nella presentazione di TG” Eat Parade – uno stufato di carne, è di origine medievale e nasce nelle fornaci dei laterizi, tanto che Brunelleschi se ne innamorò durante i lavori della cupola del Duomo di Firenze, costruita in gran parte coi mattoni”.

    Nei giorni scorsi le telecamere di Eat Parade sono state a Impruneta, fin dentro alla Fornace Agresti, per scoprirlo… alle origini.

    A spiegarne origini e segreti saranno Enrico Poggi, organizzatore del Peposo Day, e Tiziano Baldi, mastro fornacino.

    Pluripremiato con il suo rione (le Fornaci) nella “gara” fra i quattro rioni imprunetini che, ogni anno, si tiene proprio in occasione proprio del Peposo Day.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...