spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il rione del Pallò ha eletto il suo nuovo presidente: è Fabio Popolizio. Ecco tutte le cariche

    Al Pallò questo passaggio era anche un po' diverso dagli altri. Perché arrivava dopo l'addio, lo scorso anno, allo storico presidente del rione verde, Luca Gasparri

    IMPRUNETA – Era rimasto l’ultimo rione a dover procedere con il rinnovo delle cariche, dopo che gli altri tre avevano confermato le loro guide.

    Ovvero Giovanni Poggini (Sant’Antonio), Laura Bagni (Sante Marie), Nicola Nidiaci (Fornaci).

    Al Pallò questo passaggio era anche un po’ diverso dagli altri. Perché voleva dire anche ri-nominare un presidente dopo l’addio, lo scorso anno, allo storico presidente del rione verde, Luca Gasparri.

    Ieri, mercoledì 1 marzo, il rione si è quindi riunito per le votazioni. Ed ha eletto il suo nuovo presidente, Fabio Popolizio.

    Ecco qui di seguito tutte le cariche. Che avranno duraata quinquennale.

    Presidente: Fabio Popolizio (con 119 voti)

    Vicepresidente: Elena Piras (con 72 voti)

    Segretario: Desy Fantoni (con 107 voti)

    Tesoriere: Paola Andreoni (con 154 voti)

    Consiglieri

    Tommaso Giustini (con 102 voti)

    Matteo Gasparri (con 71 voti)

    Elisabetta Pintus (con 70 voti)

    Leonardo Piras (con 58 voti)

    Lorenzo Bronzi (con 57 voti)

    Nicola Faini (con 56 voti)

    Raisa Bronzi (con 50 voti)

    Adesso, con tutti e quattro i rioni rinnovati nei loro consigli, manca solo il rinnovo dell’Ente Festa dell’Uva.

    Che avverrà in seguito all’elezione della nuova amministrazione comunale di Impruneta, presumibilmente quindi fra i mesi di maggio e giugno.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...