giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Il sindaco Calamandrei dà i numeri sulle scuole di Impruneta: “Riaprono più belle e più sicure”

    "Quasi 300.000 euro, che pur nell’attuale difficoltà sono stati impegnati, finendo i lavori in tempo per la riapertura. Per un impegno continuo e puntuale"

    IMPRUNETA – “La scuola riapre, un po’ più sicura, un po’ più bella!”: il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei ha salutato così l’inizio di questo nuovo anno scolastico. Mai così atteso. Mai così complicato.

    Poi dà i numeri sui lavori svolti durante l’estate nelle scuole imprunetine.

    “Nonostante le incertezze che si sono susseguite fino alla fine – dice Calamandrei – le scuole hanno riaperto, tutte in presenza, e senza molte difficoltà se non quelle organizzative”.

    “Anche quest’anno – rimarca – siamo riusciti a fare interventi importanti sulle nostre scuole, partendo dal completo rifacimento dei tetti della scuola primaria Alice Sturiale oltre al completo rifacimento delle facciate e piccoli interventi di manutenzione straordinaria che sono stati eseguiti durante l’intervento”.

    “Nel mese di agosto – ricorda – visto il forte caldo, la ditta iniziava a lavorare alle 5,30 per fare in modo di finire i lavori prima della campanella. Costo complessivo dei lavori, 148.000 euro”.

    “Altro intervento importante – riprende il sindaco – è stato effettuato sulla scuola dell’infanzia Buondelmonte dè Buondelmonti, con il rifacimento del sottofondo e della pavimentazione esterna con oltre 450 metri quadrati in cotto”.

    “Anche qui – sottolinea – sono state rifatte tutte le facciate, ad esclusione del cordolo in cemento armato che richiede un piccolo intervento da realizzare anche a scuola aperta. La ditta è intervenuta anche su altri piccoli interventi di manutenzione straordinaria anche per migliorare la fruibilità della struttura stessa, oltre al riposizionamento della recinzione interna ed esterna. Costo complessivo dei lavori, circa 85.000 euro”.

    “Alcuni interventi – prosegue nella sua carrellata – hanno visto interessata la scuola primaria Ferdinando Paolieri, fra cui la rimozione di una parete, che fu richiesta durante i lavori del 2014, ripreso l’ammaloramento della terrazza al primo piano, pulizia esterna di punti di difficile accesso, ed altri interventi di manutenzione. Costo complessivo dei lavori, circa 25.000 euro”.

    “Inoltre – dice ancora – sono stati investiti circa 24.000 euro per l’acquisto di nuovi banchi (225), e nuove sedie (205), già al loro posto nelle aule, oltre a cattedre e mobilio di prossimo arrivo”.

    Alla fine il conto parla di “quasi 300.000 euro, che pur nell’attuale difficoltà sono stati impegnati, finendo i lavori in tempo per la riapertura delle scuole. L’impegno sulle strutture scolastiche deve essere continuo e puntuale, sia sulla manutenzione ordinaria che per quella straordinaria, mantenendo sempre alta l’attenzione sulla sicurezza dei ragazzi e di tutti coloro che vi lavorano, nel mantenimento della cosa pubblica a standard sempre più alti”.

    “Dobbiamo però guardare avanti – conclude – nella consapevolezza che ancora molto c’è da fare per migliorare le strutture scolastiche esistenti, e stiamo già lavorando con gli uffici, alla definizione del piano degli interventi da realizzare nell’estate del 2021”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino