spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco Calamandrei, in diretta con gli studenti, risponde alle lettere a lui indirizzate

    Per un progetto didattico, ideato da alcuni professori e coordinatori, gli alunni hanno immaginato di scrivere una lettera al sindaco...

    IMPRUNETA – Il 9 giugno scorso si è svolto un incontro virtuale tra il sindaco di Impruneta, Alessio Calamandrei, e gli alunni delle classi seconde della scuola secondaria dell’istituto Primo Levi, alla presenza anche dell’assessore Sabrina Merenda.

    Per un progetto didattico, ideato da alcuni professori e coordinatori, gli alunni hanno immaginato di scrivere una lettera al sindaco per esprimere le proprie opinioni sull’ambiente in cui vivono.

    E promuovere una maggiore sostenibilità del comune di Impruneta: iniziativa realizzata come occasione di confronto e crescita su temi di attualità e importanti per la comunità.

    Da qui è nato il momento di comunicazione e confronto online durante il quale il sindaco ha accolto con le riflessioni, le proposte, i sogni di tanti ragazzi riguardo ai progetti.

    Finalizzati alla futura efficienza energetica, al consolidamento della raccolta differenziata, alla realizzazione di spazi di vita condivisibili.

    “Dopo aver relazionato sulla fattibilità concreta o meno delle proposte contenute in ciascun tema – dicono dall’amministrazione comunale imprunetina – il sindaco ha illustrato ai ragazzi l’importanza di alcuni valori civici, collegati alla condivisione e cura del bene comune, e risposto alle domande scaturite”.

    “Era importante – dice Calamandrei – far capire ai ragazzi che i beni comuni sono di tutti, anche di loro, e che di loro è il futuro della comunità. Ho letto personalmente tutti i temi che mi sono stati recapitati dai professori, ed era giusto dare spazio alle loro osservazioni, cercando di mettere al centro quegli obbiettivi che a piccoli passi ogni comune sta cercando di fare”.

    “Dalla raccolta differenziata – spcecifica – al riuso, dal project sulla pubblica illuminazione a led, all’efficientamento energetico e sicurezza degli edifici pubblici.”

    L’intensa mattinata, conclusa con un tour virtuale della sede comunale di Impruneta, fatto personalmente dal sindaco Calamandrei in collegamento video tramite smartphone con la scuola, si era aperta con un incontro del percorso dell’offerta formativa scolastica “Cittadinanza e Costituzione” con la professoressa Tarchi.

    Tempo fa, durante una lezione, un ragazzo aveva chiesto all’assessore Merenda di condividere con tutti loro un approfondimento sul ruolo dell’assessorato all’istruzione, l’impegno che ne deriva e le sue mansioni istituzionali.

    L’assessore alla scuola (e alla biblioteca) del Comune di Impruneta Sabrina Merenda

    Quindi l’assessore, come promesso, è tornata per parlare ampiamente della struttura amministrativa, istituzionale, progettuale, del ruolo del consiglio comunale, della giunta, proponendolo con argomenti semplici e comprensibili.

    “Bello – dice l’assessore Merenda – vedere i ragazzi confrontarsi con concretezza con il sindaco e sono anche orgogliosa di loro che dimostrano spirito critico e di analisi. Quanto al momento con me, mi ha fatto sorridere la domanda: Bisogna studiare per svolgere tali competenze? La mia risposta è stata: Sempre ragazzi, quello sempre, perché in tutto occorre preparazione e continua umiltà per imparare e dedicarsi a ciò”.

    Il sindaco e l’assessore ringraziano “il preside e i professori per questo momento intenso di condivisione che hanno saputo creare.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...