spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’Associazione turistica spiega alle strutture ricettive del territorio come farsi avanti

    IMPRUNETA – Inizia a muoversi anche il mondo della ricezione imprunetina in vista dei Mondiali di ciclismo di fine settembre: e a farlo è soprattutto l'Ati, Associazione turistica Impruneta, che ha iniziato a interessarsene per informare e aprire strade e eprcorsi per tutti.

     

    "Per Impruneta e per noi – spiegano dall'Ati – è importante fare parte del più grande evento sportivo degli ultimi anni. Il flusso turistico atteso per questo evento è enorme, così come sarà grandissima la risonanza in tutto il mondo. Noi dell'Ati siamo convinti che sia importante, anzi fondamentale fare parte di questo evento".

    "L'organizzazione che gestisce il sito ufficiale dei Mondiali – dicono spiegando come si sono mossi – ci ha risposto invitandoci ad inserire gratuitamente le nostre strutture sul loro sito in allegato troverete i due file con i termini del contratto e la scheda per inserire le caratteristiche della vostra struttura".
     

    "Il portale www.toscana2013.it – dicono ancora – ha anche un sistema di prenotazione online, che però abbiamo verificato non essere compatibile con la maggior parte dei sistemi di prenotazione che abbiamo sui nostri siti. Per le prenotazioni dovremo quindi affidarci alle comunicazioni via e-mail, sistema un po' più lento, ma che evita il rischio di overbooking".

     

    Tantissime anche le altre informazioni più "tecniche" fornite dall'Ati alle strutture del territorio impruentino: per chi ne volesse sapere di più, www.imprunetati.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...