spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Impruneta, c’è viabilità di emergenza durante il mercato del sabato?”: consiglieri scrivono ai vigili del fuoco

    Lettera di Roberto Viti e Gabriele Franchi: "Chiesto un parere sulla possibilità che i loro mezzi potessero percorrere la curva a gomito in corrispondenza del ristorante Bellavista"

    IMPRUNETA – E’ garantita la viabilità di emergenza in occasione del mercato del sabato a Impruneta?

    Se lo chiedono, e lo hanno chiesto ai vigili del fuoco, i consiglieri comunali di opposizione Roberto Viti (Obbiettivo Comune) e Gabriele Franchi (Cittadini Per Impruneta).

    “Il 27 dicembre scorso – annunciano – abbiamo presentato al Comando dei vigili del fuoco di Firenze una segnalazione relativa al mercato del sabato mattina in piazza Buondelmonti previsto nel nuovo Piano del Commercio”.

    “Richiedevamo un loro parere –  sulla possibilità che i loro mezzi potessero percorrere la curva a gomito in corrispondenza del ristorante Bellavista”.

    “Il 28 dicembre – proseguono – i vigili del fuoco hanno effettuato un sopralluogo con un mezzo (un’autoscala) che non è riuscita a percorrere questa curva. Nella nostra segnalazione, inoltre, abbiamo riportato la tavola concernente la viabilità di emergenza che descrive il percorso dei mezzi di soccorso e che prevede che, durante il mercato, i due paletti in prossimità dello Stop siano rimossi e che il Pilomat esistente sia abbassato”.

    “In sostanza – argomentano Viti e Franchi gli eventuali mezzi dei vigili del fuoco accedono nella parte inferiore della piazza Buondelmonti ed escono dove è presente il Pilomat. Nella nota che i vigili del fuoco ci hanno fatto pervenire, si afferma in proposito che “…sembrerebbe che tali accorgimenti consentirebbero l’accesso a via delle Case (e conseguentemente a via della Fonte e via Croce) direttamente da piazza Buondelmonti, esattamente come avviene nei giorni non di mercato. Tuttavia si rappresenta che l’effettiva fruibilità dei percorsi ai mezzi VVF dovrà essere comunque garantita””.

    “Siamo perplessi di questa soluzione – commentano – che è stata prevista per consentire ai mezzi dei vigili del fuoco di arrivare nelle vie sopra citate. Rileviamo che nella tavola in questione non è descritto come saranno realizzate le due chiusure di piazza Buondelmonti che da anni sono da noi contestate”.

    “Reputiamo inoltre – rilanciano – di difficile gestione togliere due paletti, lasciare abbassato il Pilomat e poi alla fine del mercato ripristinare la situazione normale”.

    “A questo proposito – aggiungono – ricordiamo che, varie volte, il cartello di divieto di accesso, presente quando il posteggio dei fruttivendoli era nella strada che attraversa la piazza, è stato lasciato nel mezzo della carreggiata e tolto con ore di ritardo. Valutiamo inoltre che la soluzione prevista generi caos perché è probabile che ci saranno auto che riusciranno a entrare e sostare nella parte inferiore della piazza, favorite anche dalla cronica mancanza dei vigili urbani”.

    “E’ privo di buon senso quanto previsto – accusano – e si scontra con la semplicità di mettere quattro banchi nella parte inferiore della piazza e lasciare tutto come è attualmente. Purtroppo i nostri amministratori hanno una dote, riescono a trasformare le cose semplici in cose complicate”.

    “Entro pochi giorni – concludono – l’amministrazione comunale dovrà rispondere alla petizione di 108 cittadini, tutti residenti nelle vie sopra citate, che hanno richiesto di non chiudere piazza Buondelmonti. Ci auguriamo che finalmente siano accolte le loro richieste che si aggiungono a quelle degli ambulanti e dei commercianti e che fino ad oggi sono state ignorate. Riteniamo che questa lettera dei vigili del fuoco possa essere un elemento decisivo per non prevedere i banchi degli ambulanti in mezzo alla strada”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...