spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Centinaia di persone per oltre 11 km a piedi fino a piazza Santissima Annunziata

    IMPRUNETA – La Santa Messa alle 15 e poi, sotto al sole cocente, l'inizio della lunga camminata che dal cuore di Impruneta, dalla Basilica di Santa Maria in piazza Buondelmonti, ha portato centinaia e centinaia di persone fino a Firenze, fra strade e viottoli, per incontrare il vescovo Giuseppe Betori in piazza Santissima Annunziata.

     

    Un pellegrinaggio andato in scena nel pomeriggio di oggi, sabato 7 settembre, organizzato dalla Compagnia della Rificolona insieme al Quartiere 1 e al Comune di Firenze, con l'aiuto tecnico e logistico dell'Istituto Innocenti di Firenze.

     

    In una chiesa stracolma di fedeli, presente anche il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei. E' stato il viceparroco del proposto don Luigi Oropallo, don Stefano Naldoni, a raccontarci l'emozione di quella chiesa strapiena e della partenza verso la città.

     

    "Tutti – dice don Naldoni – moltissimi i giovani, in silenzio hanno riascoltato le parola di Papa Francesco dell'Angelus di domenica mattina in cui condannava la guerra e ci invitava alla preghiera e al digiuno per la pace. Forti unanimi le preghiere accorate di tutti i presenti che si sono alzate verso il Signore".

     

    "Mi sono venuti i brividi – conclude – a sentire quelle tante voci che diventavano con decisione e fermezza una cosa sola. Questa è la forza della Chiesa, la preghiera fatta con fede degli uomini di buona volontà".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...