spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta: in cento in piazza Buondelmonti per dire no alla violenza sulle donne

    Ritrovo spontaneo, partito dopo l'episodio della presunta violenza sessuale di gruppo ai danni di una turista canadese

    IMPRUNETA – Piazza Buondelmonti, Impruneta, lunedì 8 agosto. Poco dopo le 21 iniziano ad arrivare sotto al palazzo comunale le prime persone.

    Lo scopo del ritrovo è quello di manifestare contro la violenza sulle donne, in modo particolare riferita all’episodio della presunta violenza sessuale di cui è rimasta vittima una turista canadese in vacanza a Impruneta, nella notte fra venerdì 29 e sabato 30 luglio.

    C’è chi indossa qualcosa di rosso: una borsa, un vestito, una maglia. Per chi non indossa qualcosa di quel colore, ci sono i fiocchetti rossi da applicare sul petto.

    In silenzio s’inizia a srotolare un lenzuolo con la scritta “Basta!!! *violenza* sulle donne” e vengono posate sull’asfalto grigio le scarpe rosse con i tacchi, da ginnastica, semplici sandali.

    E, sotto, dei fogli dattiloscritti: “Victim blaming: quando la vittima diventa colpevole – Gli Stereotipi di Genere e la violenza contro le donne”.

    In silenzio arrivano circa un centinaio di persone. C’è chi si sofferma a fotografa le scarpe rosse, chi parla e chi si limita a osservare da lontano.

    Un gruppetto di donne impugna un cartello; “Ricordiamo un principio: lo stupro è un atto ignobile che non ammette giustificazioni”.

    Mentre una signora su una sedia a rotelle, completamente vestita di rosso con un NO disegnato sulla fronte, tiene tra le mani un foglio: “Non insegnare a tua figlia come vestirsi insegna a tuo figlio il rispetto”.

    La manifestazione è stata organizzata da Bettina Ricceri, di Impruneta, una ragazza dal volto pulito e sincero.

    “Penso di aver semplicemente dato voce a una sensazione generale – dice – e ho pensato che fosse necessario prendere una posizione rispetto a quello che è successo. Quindi ecco che è nata questa manifestazione ad ampio raggio, anche per condannare il “Victim blaming”, che è la colpevolizzazione delle vittime che inizia a serpeggiare in maniera inquietante”.

    “Siamo qui – dice ancora – perché pensiamo che non sia giusto andare a demonizzare la vita di una parte lesa in qualsiasi caso, togliendo parte della colpa ai carnefici in generale. Questo è stato anche un momento per ritrovarsi e scambiarci delle idee, delle parole, e speriamo di creare dei momenti di scambio e riuscire a dare un piccolo contributo rispetto a questa tematica”.

    Prima della fine della manifestazione, il gruppo si riunisce. E le voci si fanno sentire gridando per varie volte: “Ogni donna offesa, siamo tutte parte lesa!”.

    Poi un grande applauso e, piazza Buondelmonti, torna nel silenzio della notte. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...