spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta: inviata alla senatrice Liliana Segre la pergamena della cittadinanza onoraria

    Lettera del sindaco: "E’ con grande onore che la città di Impruneta, patria della terracotta, le conferisce la cittadinanza onoraria ritenendola pertanto parte integrante della comunità imprunetina"

    IMPRUNETA – Cittadinanza onoraria di Impruneta alla senatrice della Repubblica italiana Liliana Segre: adesso c’è anche la pergamena a sancirne l’ufficialità “burocratica”.

    Nel consiglio comunale del 30 novembre 2020 è stato approvato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, come da ordine del giorno del 2019 presentato in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne dalle assessore e consigliere Laura Cioni e Sabrina Merenda.

    “La proposta – ricorda l’amministrazione comunale imprunetina – era stata presentata in solidarietà alla senatrice dopo che la stessa era stata bersaglio di atteggiamenti xenofobi, razzisti e discriminatori, anche online, appena approvata dal Senato della Repubblica, dietro sua richiesta, l’istituzione di una Commissione Straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza”.

    Concluso l’iter in consiglio comunale, dopo l’approvazione di un regolamento ad hoc per le cittadinanze onorarie, l’amministrazione comunale ha provveduto ad inviare, presso il Senato della Repubblica, la pergamena con il riconoscimento.

    “Purtroppo – dicono ancora dal palazzo comunale – il periodo di pandemia prolungata ha fatto desistere da qualsiasi progetto di consegna di persona”.

    Il sindaco Alessio Calamandrei e il presidente del consiglio comunale Paolo Magnelli con la pergamena inviata a Liliana Segre

    Si riporta di seguito la lettera di accompagnamento, nella quale il sindaco Alessio Calamanderei parla a nome di tutta la cittadinanza.

    “Alla Senatrice Liliana Segre

    E’ con grande onore che la città di Impruneta, patria della terracotta, in provincia di Firenze, Le conferisce la cittadinanza onoraria ritenendoLa pertanto parte integrante della comunità imprunetina.

    Questo conferimento è stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale del 30 novembre 2020 senza poterlo consegnare purtroppo durante una cerimonia ufficiale, come prevede il nostro regolamento comunale, per le misure di contenimento alla pandemia da Covid-19.

    Procediamo pertanto ad inviarLe la pergamena di cittadinanza onoraria:

    “Per il suo impegno dedicato al mantenimento della memoria e al prodigarsi perché i diritti di ogni persona prevalgano sempre nel segno della fratellanza e della pace”.

    Nella speranza si possa un giorno realizzare una cerimonia o un momento ufficiale per fare memoria insieme a Lei e ricordare a tutti i nostri concittadini i veri principi su cui si basa la nostra Costituzione. 

    In un momento storico così difficile quanto unico, Le auguriamo tanta serenità, nella certezza di ritrovare con più tenacia, l’essenza e l’essenziale della vita e quello spirito di libertà che ci fa sentire tutti fratelli e sorelle.

    Con Stima e Rispetto.

    Il sindaco, Alessio Calamandrei, Impruneta,  14/1/2021″

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...