martedì 26 Gennaio 2021
Altre aree

    Impruneta, opposizioni compatte: “La strada sterrata comparsa in settembre alle Fornaci è abusiva”

    "La polizia municipale di Impruneta ha controllato lo stato dei luoghi e degli atti, accertando che i suddetti lavori sono stati eseguiti senza alcuna autorizzazione"

    IMPRUNETA – Il 23 settembre avevano presentato un esposto per chiedere sei quei 300 metri di strada sterrata in prossimità della fornace REF fossero stati autorizzati.

    E oggi, quasi 4 mesi dopo, annunciano all’unisono che no, pare proprio che non lo fossero: e a dirlo sono tutti i consiglieri comunali di opposizione all’Impruneta.

    # “300 metri di strada sterrata in prossimità della fornace REF: è stata autorizzata?”

    Roberto Viti (Obbiettivo Comune); Gabriele Franchi e Alessandro Giovannini (Cittadini Per Impruneta); Matteo Zoppini (centrodestra); Leonardo Rossi (M5S).

    “Lo scorso settembre – ricordano – sono stati realizzati, tra via di Cappello e via delle Fornaci, lavori di tracciamento di una nuova strada sterrata larga circa 4 metri e lunga circa 300. Tali lavori hanno richiesto anche abbattimenti di vegetazione e cospicui movimentazioni di terra dal lato monte in direzione della valle”.

    “A seguito di tre esposti e richieste di informazioni – annunciano – nostri e di altri soggetti, la polizia municipale di Impruneta ha controllato lo stato dei luoghi e degli atti, accertando che i suddetti lavori sono stati eseguiti senza alcuna autorizzazione. Per questo motivo la polizia municipale ha trasmesso notizia di reato alla Procura della Repubblica di Firenze”.

    “Va ricordato – aggiungono – che il “Consorzio Le Fornaci” è il soggetto deputato al Piano Attuativo nell’area Pesci-REF (quello che prevede la realizzazione di ben 140 appartamenti e di una nuova strada di 500 metri), ed è costituito da 3 soggetti: Inimi srl, cotto REF e F.P. spa”.

    La strada oggetto dell’esposto delle opposizioni

    “Si deve menzionare inoltre – rilanciano – che nel settembre del 2017 fu stipulata la Convenzione Accessiva fra il Comune e il “Consorzio Le Fornaci”, ma, da allora, non é stato rilasciato dal Comune nessun permesso a costruire in quanto il Consorzio non ha la disponibilità di tutta l’area su cui é previsto l’intervento e pertanto non è legittimato a presentare nessuna richiesta di autorizzazione”.

    “Oltre a questo aspetto – rincarano – ci sono altre problematiche, ben lontane da essere risolte, che si possono così riassumere: mancato rispetto del trasferimento aziendale da parte della F.P. spa e dei termini ultimi per la riassunzione del personale ex REF; mancata redazione del Piano di investigazione ambientale e le eventuali operazioni di bonifica ambientale. le indagini per l’ individuazione di ordigni bellici”.

    “Sorge infine spontanea una domanda al “Consorzio Le Fornaci” – concludono i consiglieri comunali di opposizione – come mai le società che ne fanno parte non versano da anni l’Ici/Imu al Comune di Impruneta per un ammontare complessivo di circa 400 mila euro? E questo nonostante che il Consorzio affermi di possedere le risorse per attuare l’intervento”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...