spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, si è spento Adelmo Mecacci. Artigiano, due figli giuristi, grande appassionato di calcio

    Seguiva le partite la domenica al campo sportivo dell’Impruneta (o in trasferta); amava parlare poi della Fiorentina davanti un caffè al bar del “Piro”, dopo la Messa

    IMPRUNETA – Si è spento all’Impruneta Adelmo Mecacci, il padre di Marco e Matteo. Aveva 86 anni

    Figura conosciuta in paese – dove ha vissuto per più di sessanta anni – “è stato un padre di poche parole – dicono i familiari – ma di molta sostanza e di grande esempio etico e morale”.

    Lavoratore instancabile nell’artigianato durante la settimana, nel fine settimana – per riposarsi, come usava dire lui scherzando – si dedicava ai suoi amati ulivi e alla vigna.

    Gli unici svaghi? Seguire le partite di calcio la domenica al campo sportivo dell’Impruneta o in trasferta, e parlare poi della Fiorentina davanti un caffè al bar del “Piro”, dopo la Messa.

    Non capita spesso che una persona pressoché priva d’istruzione formale potesse dire, orgoglioso come nessun altro, di avere due figli giuristi.

    Ma questo aveva voluto lui, insieme all’amata moglie Gina, scomparsa quasi cinque anni fa: che i figli studiassero, perché loro non avevano potuto farlo.

    E i figli hanno in effetti hanno studiato.

    Marco, da decenni avvocato affermato. Il secondo, Matteo, imprunetino “famoso”.

    Deputato a poco più di 30 anni, poi direttore della più nota associazione mondiale per il Tibet a Washington, oggi direttore di un importante organismo internazionale di tutela dei diritti umani dell’OSCE.

    Pur non conoscendo a fondo quello che i figli facevano, ne era molto fiero, e quando ne parlava non riusciva a nascondere la gioia che gli sprizzava sempre dagli occhi.

    Fino agli ultimi giorni, quando la malattia ha purtroppo preso il sopravvento, e lo ha riportato dalla sua Gina.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...