spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il primo cittadino ha incontrato l’associazione turistica: focus sulla tassa di soggiorno

    IMPRUNETA – Giorni intensi quelli di questo primo mese di mandato per il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei, che oltre all'attività amministrativa sta conducendo anche una serie di incontri con associazioni del territorio.

     

    Fra queste l'Ati, Associazione turistica Impruneta (in foto Calamandrei accanto al presidente Giacomo Bensi), che ha incontrato il primo cittadino lo scorso 18 giugno.

     

    "Il sindaco – spiegano dall'associazione – vuole concentrarsi nell'immediato sulle cose che è concretamente possibile fare in tempi brevi, a basso costo o addirittura costo zero. In particolare ci ha promesso che l'Ati siederà al tavolo delle decisioni, quando si parlerà di scelte che riguardano il turismo ad Impruneta (incluso il destino dei fondi derivati dalla tassa di soggiorno)".

     

    Perché capire introiti e destinazione di questo tributo, per il quale le strutture ricettive fungono da esattore, è centrale: "L'Ati – proseguono in questo senso dall'associazione – verrà informata in dettaglio su come saranno spesi gli introiti ricavati dalla tassa di soggiorno del 2013 (prima c'era una diversa amministrazione); ci è stato anche promesso che snellirà quanto più possibile le pratiche e le informazioni necessarie per versare al Comune la tassa".

     

    Insine, concludono dall'Ati, "il Comune ci fornirà il supporto necessario (mappe ad esempio) per completare il lavoro sui percorsi naturalistici, le passeggiate ed i trekking, verificando anche la possibilità di dare il patrocinio alla nostra iniziativa. Siamo molto soddisfatti e speriamo di poter collaborare fruttuosamente ed a lungo con il nuovo sindaco di Impruneta".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...