spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “I rioni vorrebbero sapere i programmi, in particolare per i cantieri”

    L’Ente Festa dell’Uva "intende richiedere un incontro a tutti i candidati sindaci, di tutti i partiti, liste ecc, che saranno in lizza nelle prossime elezioni amministrative".

     

    Lo scrive il presidente dell'Ente, Luca Gasparri, in una lettera inviata alle forze politiche e a quei candidati che già hanno palesato la loro candidatura. Tutti, indistintamente.

     

    "Teniamo a precisare – tiene a sottolineare Gasparri – che l’Ente Festa dell’Uva non ha alcun  coinvolgimento, attivo o passivo, sulla scena politica locale e di conseguenza non assumerà alcuna posizione, a favore o contro, nei confronti dei candidati".

     

    Allo stesso tempo però "sussiste comunque la necessità, da parte di tutte le associzioni rionali, di conoscere ed essere informati su quali saranno i programmi dei candidati a riguardo della Festa, sia per le competenze di organizzazione e gestione che per quanto riguarda le sedi rionali, ovvero a riguardo della necessità di definire una volta per tutte le localizzazioni delle aree adibite alla costruzione dei carri, oltre a tempi e modalità di realizzazione".

     

    "Questa – conclude Gasparri – costituisce la nostra unica motivazione per avanzare la presente richiesta, con la volontà di avere un futuro certo e congiuntamente programmato, in quanto avere una sede ed un luogo idoneo per l'organizzazione della Festa paesana è una nostra priorità, da tutti riconosciuta, ma che ormai da vari anni non trova soluzione".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua