spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Gazzettino incontra Carla Masi, che da poco ha chiuso la sua storica lavanderia

    IMPRUNETA – Da oggi i panni sporchi si lavano in casa: ha infatti chiuso i battenti la storica "Tintoria Carla" ad Impruneta.

     

    “Ho passato tutta la mia vita tra macchie che non volevano andarsene e l’asse da stiro” racconta Carla Masi, proprietaria dell’omonima lavanderia, dove entrò la prima volta a sette anni per non lasciarla più. 

     

    In questi giorni infatti ha chiuso il suo negozio in via delle Case, proprio vicino a piazza Buondelmonti, aperto dal 1974. Ma facciamo un passo indietro.

     

    “Dopo la scuola andavo nella lavanderia di mia madre e lì ho imparato a contare – inizia a raccontare Carla – Infatti al posto dei cartellini per segnare i panni si cuciva a filo il numero della consegna direttamente sopra i vestiti: così ho imparato a tenere l’ago in mano e allo stesso tempo a contare". 

     

    "I miei primi pantaloni li ho lavati in quarta elementare” dice orgogliosa.

     

    Ma non è tutto talento naturale: già i suoi genitori possedevano una lavanderia, “LavaLampo”, di cui Carla conserva ancora l’insegna.

     

    “Il mio è un lavoro faticoso se fatto per bene – racconta mentre spiega dettagliatamente come dovrebbero essere lavati i pantaloni di lino – Dover stare in piedi dietro alle macchine tutto il giorno è dura, ma porta anche molte soddisfazioni”.

     

    E come prova mostra le sue gambe, segnate solo come la fatica e il duro lavoro possono fare.  Infatti è stata proprio Carla l’addetta alle macchine, mentre il marito Giuliano stava… al pubblico.

     

    "Abbiamo lavorato insieme dal 1978 e sono stati tanti i battibecchi sul lavoro” racconta Carla ridendo.

     

    “Per fortuna – aggiunge Giuliano – chiuso il bandone riuscivamo a tenere tutto lì dentro e ce ne tornavamo insieme a casa”.

     

    E mentre Carla continua a parlare dei pantaloni di lino il marito la interrompe bonariamente facendola arrossire: “Le macchie le faceva sparire tutte, è una maga nella smacchiatura!”.

     

    Ovviamente anche lei dice di aver sbagliato qualche lavaggio. ma dopo la prima volta non è più successo: "L’esperienza fa tesoro”.

     

    Se dovesse dire cosa le è mancato in questi lunghi anni, ribadendo comunque le soddisfazioni che il suo mestiere le ha portato, non ha dubbi: la creatività.

     

    Ma non si è persa d’animo e ha cercato di sopperire scrivendo poesie, dipingendo e cucendosi da sola maglioni.

     

    “Una volta ho scritto una poesia su un pesco mentre stiravo" confida. "Non so se lo vedevo davvero o lo sognavo” conclude con aria un po’ sognante.

     

    Prima di salutarci Carla vuole dire un’ultima cosa, e non si tratta di consigli su lavaggi o stirature: “Ringrazio tutti gli Imprunetini, senza di loro non ce l’avrei mai fatta".

     

    Sicuramente da adesso inizierà a dedicarsi ai suoi hobby, anche se non nega che camicie di seta macchiate e centrotavola sporchi un po' le mancheranno. Ma non più di quanto lei mancherà a casalinghe (disperate e non) alle prese con macchie e lavaggi a secco impossibili… .

    di Costanza Masini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...