spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I dodici ospiti sono stati ricevuti da Ida Beneforti in palazzo comunale

    I dodici ospiti del Centro di Socializzazione “L'Arcolaio” di Tavarnuzze sono andati a visitare, la mattina di venerdì 8 marzo, in palazzo comunale su invito del sindaco Ida Beneforti che in questo modo ha voluto ringraziarli del regalo, un pannello ricamato a mano con la scritta sindaco, che le era stato donato lo scorso Natale.

     

    A dare loro il benvenuto c'era anche l'assessore alle politiche sociali, Paolo Poggini.  Anche questa volta i ragazzi non si sono presentati a mani vuote e hanno consegnato al sindaco una pianta e un biglietto con applique artistiche  realizzate di loro iniziativa.

     

    In palazzo comunale accompagnati dagli operatori del Centro, hanno potuto vedere di  persona la collocazione riservata al loro ricamo che è stato appeso sulla porta dell'ufficio del sindaco.

     

    Dopo alcune foto davanti al pannello ricamato e una visita nella stanza del sindaco, gli ospiti dell'Arcolaio sono stati accompagnati nella sala consiliare di cui hanno potuto apprezzare la recente ristrutturazione, dopo i  lavori che hanno riportato gli spazi alle  dimensioni originarie.

     

    A conclusione dell'incontro c'è stato un piccolo rinfresco. In tarda mattinata i ragazzi hanno poi fatto ritorno nel Centro di Tavarnuzze. La struttura che per conto del Comune di Impruneta viene gestita dalla Asl, ospita  non solo utenti di Impruneta ma anche di San Casciano, Bagno a Ripoli e Greve in Chianti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua