spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Potranno giovarsene le famiglie che devono effettuare le iscrizioni entro il 28 febbraio

    La biblioteca comunale di Impruneta mette a disposizione le proprie postazioni Internet alle famiglie che devono iscrivere, entro il 28 febbraio, i propri figli al primo anno delle scuole primarie e secondarie statali dell'anno scolastico 2013-2014.

     

    Il Comune di Impruneta si rivolge in particolare alle famiglie sprovviste di connessione Internet, ricordando loro la disponibilità dei punti di accesso presso la biblioteca comunale e rinviando però per qualsiasi informazione e per il supporto in fase di iscrizione, alla direzione didattica dell'Istituto Comprensivo P. Levi.  La segreteria didattica dell'Istituto si trova in via I Maggio 47 a Tavarnuzze e riceve dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13.30 e nel pomeriggio dalle 15.30 alle 17 escluso il mercoledì (dalle 15.30 alle 16.30). Per informazioni il telefono è 0552020500.
     

    Come stabilito dalla nuova normativa nazionale, le iscrizioni alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado potranno essere effettuate esclusivamente  in modalità on line sul sito internet del Ministero della Pubblica Istruzione. La procedura è attiva fino al prossimo 28 febbraio. Sono escluse da tale procedura le iscrizioni alle scuole dell'infanzia.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...