spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La biblioteca di Impruneta riapre con la possibilità per gli utenti di consultare gli scaffali

    Come segno di benvenuto agli utenti, chi prenderà in prestito almeno tre libri riceverà in dono un calendario da tavolo

    IMPRUNETA – La biblioteca comunale di Impruneta riapre al pubblico per i servizi di prestito e restituzione, preferibilmente su prenotazione, con la possibilità di accedere anche agli scaffali e alla sezione ragazzi per scegliere libri e film, pur se in maniera contingentata.

    La riapertura avviene nel rispetto dei consueti protocolli di sicurezza:

    – l’ingresso e l’uscita sono separati

    – non è consentito l’accesso a chi ha una temperatura superiore a 37,5

    – gli utenti devono igienizzarsi le mani con il gel messo a disposizione all’entrata e in corrispondenza degli scaffali da consultare

    – obbligo di indossare sempre la mascherina.

    Previa sanificazione delle mani, sono possibili in contemporanea due accessi alla sezione ragazzi, due accessi diretti agli scaffali per consultare e scegliere libri e film e due accessi alle postazioni degli operatori per restituzioni, prestiti e prestiti interbibliotecari.

    Come segno di benvenuto agli utenti, chi prenderà in prestito almeno tre libri riceverà in dono un calendario da tavolo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...