spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La “Chiccaia” saluta Impruneta: Franca Sani chiude la sua amata Bottega del Caffè

    Ieri l'ultimo giorno di apertura prima di andare in pensione: "Pensare di averlo aperto nel 1999 fa uno strano effetto. Lasciarlo è veramente difficile"

    IMPRUNETA – Dopo più vent’anni di attività Franca Sani, conosciuta da tutta Impruneta come la “Chiccaia”, ha chiuso per sempre la saracinesca della sua amata Bottega del Caffè, all’inizio di via Cavalleggeri, entrando da piazza Buondelmonti.

    La bottega di Franca è stata per tanti anni non solo il luogo dove gli amanti delle dolcezze acquistavano caffè e tanti altri dolci, ma un punto di riferimento per molte persone che spesso si fermavano anche solo per fare due chiacchiere insieme a lei.

    Ieri, mercoledì 30 giugno, è stato l’ultimo giorno giorno di Franca nella sua bottega, prima di andare ufficialmente in pensione.

    “Pensare di aver aperto il negozio nel lontano 1999 fa uno strano effetto – ci racconta – e adesso lasciarlo è veramente difficile.”

    Franca infatti ci racconta di aver aperto l’attività nel lontano 1999 insieme a Giada Galilei, alla quale nel 2003 è subentrata Gianna Falsini, sua nipote, che è rimasta con lei per 10 anni.

    “Gianna non è stata una collega, ma una vera e propria compagna, un’amica. Ancora oggi ricordo con tanto affetto tanti bei momenti passati insieme, le nostre risate, tante esperienze condivise” ci confessa commossa.

    L’attaccamento di Franca alla sua bottega infatti è palpabile, lo si nota da come si aggira nel suo negozio, tra caffè pregiati, stecche di cioccolato e caramelle.

    Tutto in quelle quattro mura parla della sua passione per il lavoro, ogni singolo prodotto scelto minuziosamente per i gusti dei suoi clienti.

    “Prima di uscire di scena – continua sorridendo – vorrei fare dei ringraziamenti pubblici, dal profondo del cuore. Voglio ringraziare in primis Emilio Folli e tutta la sua famiglia per avermi messo a disposizione la bottega per poter aprire la mia attività (il fondo infatti appartiene alla famiglia Folli, n.d.r.).

    “Poi – prosegue – voglio ringraziare tutti i miei clienti, sia chi durante questi anni è entrato anche solo una volta nella mia bottega, sia i clienti affezionati, gli amici, che invece non hanno passato un solo giorno senza entrare nella qui, anche solo per un saluto”.

    “Infine – conclude commossa – un ringraziamento sentito, ai miei colleghi del CCN il Pozzo. E un augurio di buon proseguimento di tutte le attività, e le mie congratulazioni per il lavoro svolto fin qui”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...