spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La natura riaffiora dal passato: le impronte di animali sulle tegole di Impruneta sulla Cupola del Duomo

    Inoltre, su alcune tegole sono impressi altri simboli, per esempio delle croci o un marchio, simbolo probabilmente della fornace a cui sono state commissionate le tegole

    IMPRUNETA – E’ stata una vera sorpresa quella che in questi giorni hanno scoperto le maestranze dell’Opera del Duomo di Firenze, durante i lavori di manutenzione sulla Cupola del Brunelleschi.

    Ad attrarre l’attenzione sono stati degli strani segni impressi sulle antiche tegole, che Filippo Brunelleschi aveva commissionato alle fornaci dell’Impruneta per rivestire la Cupola.

    Ben presto ci si è resi conto che alcuni sono vere e proprie impronte di animali: gatti, faine, cani, volpi, ma anche di uccelli.

    “Impronte – ci spiega l’architetto Samuele Caciagli dell’Opera di Santa Maria del Fiore – che si presume siano state lasciate da animali che si sono trovati a camminare sopra le tegole ancora fresche d’impasto, lasciate a essiccare al sole prima della cottura”.

    Ma non è tutto.

    Su alcune delle tegole sono impressi altri simboli. Per esempio delle croci o un marchio, simbolo probabilmente della fornace a cui sono state commissionate le tegole.

    A parte le impronte degli animali, adesso sarebbe importante riuscire a sapere qualcosa di più dei segni di queste antiche fornaci, tanto che si pensa di interpellare l’amministrazione comunale di Impruneta a tal proposito.

    Per vedere se, tramite gli archivi, è possibile individuare chi fossero e dove erano collocate alcune di queste.

    Insomma, a distanza di 600 anni arrivano nuove scoperte. E la storia del cotto dell’Impruneta sulla Cupola del Brunelleschi… continua.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...