spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Furto nel pomeriggio in via Vanni: “Ci hanno portato via anche le fedi nuziali”

    Andrea, il derubato: "Non esiste che si possa farsi condizionare la vita da questi elementi. Io non ci sto"

    IMPRUNETA – Alla fine rimane da fare la denuncia, insieme alla rabbia di aver visto violata la propria casa.

     

    L'ultimo caso di furti in casa, che in questi giorni a cavallo fra novembre e dicembre stanno avendo un sensibile aumento su tutto il territorio chiantigiano, è avvenuto nel pomeriggio di giovedì 1 dicembre nel cuore di Impruneta, in via Leopoldo Vanni, nel tratto dopo la casa di riposo.

     

    E' Andrea che ci racconta come è andata: "Mio figlio è rientrato verso le 16.15 per prendere la borsa e andare in palestra, era tutto a posto. Mia moglie è arrivata alle 19.30, ha aperto la porta, ha visto la luce accesa e la finestra aperta della cucina. Impaurita ha richiuso subito mi ha chiamato e ha telefonato ai carabinieri. Sono entrati in quell'intervallo di tempo"

     

    Ci spiega che "sono entrati dal dietro di casa mia; c'è una sorta di scannafosso e un giardino grande che confina con il bosco del monte Sant'Antonio. Probabilmente hanno guardato la situazione da lì e poi è stata la loro via di fuga. Hanno aperto solo la finestra: una era chiusa con la persiana, l'altra era con la persiana aperta. Abbiamo due cani ma non erano in casa, li porto con me a lavorare".

     

    "Hanno rovistato tutto in tutte le stanze – racconta Andrea – Non hanno toccato niente di tecnologico, abbiamo trovato in casa la macchina fotografica, telefoni, computer, tablet. Hanno portato via soldi, oro (è rimasto un braccialetto mio che era rotto e una collanina di mia moglie, si sono presi anche le fedi nuziali). E un cofanetto da sommelier del vino con due bottiglie".

     

    "Abbiamo anche l'allarme – conclude Andrea – ma era da revisionare e… non abbiamo fatto in tempo. Trovare la casa in quel modo è davvero una sensazione brutta, bruttissima. Mia moglie è disperata ma non esiste che si possa farsi condizionare la vita da questi elementi. Io non ci sto".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...