spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il luogo senza nome (indicato su cartello stradale): Largo Alcide De Gasperi o Squarci

    La ricerca dei Verdi di Impruneta e la richiesta di una targa per lo spazio intitolato al politico italiano

    IMPRUNETA – E' al punto di confluenza tra Viale della libertà, Via Aldo Moro, Via Don Binazzi e Via Impruneta per Tavarnuzze, per la toponomastica ufficiale del Comune di Impruneta si chiamerebbe “Largo Alcide De Gasperi”. Per gli imprunetini è più semplicemente … Squarci.
    “Il condizionale, riferito al politico italiano, è dovuto al fatto che, per chi non è di Impruneta nessuna denominazione è segnalata sul posto con un'opportuna cartellonistica”, fanno notare i Verdi di Impruneta.

     

    Largo De Gasperi esiste da tanti anni ma non è indicato in nessun modo, nonostante sia citato anche sugli avvisi della Cap, come punto di partenza e arrivo dei bus del trasporto pubblico durante la Fiera di San Luca, quando il capolinea viene trasferito dalla Piazza Accursio da Bagnolo proprio a Largo De Gasperi.

     

    Una cittadina si è assunta l'impegno di chiarire il mistero e qualche risposta dal Comune di Impruneta l'ha avuta. Le è stato spiegato infatti che  “in Largo De Gasperi non risultano assegnati numeri civici e non ci sono persone residenti”, e ancora che “l'installazione di toponomastica con la dicitura 'Largo De Gasperi' potrebbe generare confusione con la denominazione delle altre vie che confluiscono all'incrocio” e infine che “la dicitura riportata sulle informazioni della Cap durante il periodo della Fiera di San Luca è corretta, visto che comunque la denominazione esiste”.

     

    La questione è arrivata allo sportello “S.o.s Verde”, dei Verdi di Impruneta che spiegano: “Per dipanare la matassa per prima cosa abbiamo cercato gli aspetti normativa e in base al  regolamento anagrafico non sembra logico che se non vi sono residenti possa venir meno l'obbligo di dare la denominazione all'area, indicandola con opportuno cartello”.

     

    “Tanto per fare un esempio anche Piazza Bandinelli (la cosiddetta 'terza piazza') ad Impruneta non risulta abbia residenti, salvo qualche esemplare di fauna selvatica, ma il cartello è stato comunque messo dal Comune”.

     

    “Sul fatto che la collocazione del un nuovo cartello alla confluenza di più strade possa generare "confusione" con le altre vie, si può pensare ad una opportuna installazione per evitare ciò possa accadere. Considerata la presenza della rotonda, alla confluenza delle strade, il cartello potrebbe essere collocato proprio sul masso di granito presente nell'aiuola, con l'accortezza magari di aggiungere al nome ufficiale anche la denominazione locale: 'Largo Alcide De Gasperi – (Squarci)'. Coniugando in tal modo gli obblighi della toponomastica ufficiale con quelli del rispetto della tradizione imprunetina”.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...