spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Presentati dal presidente D’Angelis gli interventi risolutivi fatti (e da fare)

    Questa mattina il presidente di Publiacqua Erasmo D’Angelis ha presentato la conclusione dei lavori di potenziamento tra il sistema Bilancino-Anconella ed il Chianti. Una presentazione avvenuta presso la Sala Consiliare del Comune di Impruneta e, oltre al sindaco Ida Beneforti, vi hanno partecipato i primi cittadini degli altri Comuni dove il servizio idrico integrato è gestito da Publiacqua (il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini, di Tavarnelle Sestilio Dirindelli, di Barberino Val d’Elsa Maurizio Semplici, l'assessore all'ambiente di Greve in Chianti Simona Forzoni).

     

    A luglio  Publiacqua aveva aperto cantieri per oltre un milione di euro. Interventi avviati per far fronte in maniera strutturale e non emergenziale alla siccità che ha colpito il Chianti Fiorentino. Cantieri il cui obbiettivo è quello di potenziare il collegamento strategico tra questo territorio ed il sistema acquedottistico metropolitano ed affrontare quindi al meglio gli effetti di un cambiamento climatico che appare ormai evidente e non più eccezionale.

     

    Publiacqua, insomma, non si è fermata all’emergenza, dove è stata comunque attiva con un’enorme sforzo organizzativo, economico (oltre un milione di euro in autobotti) e di energie che, a fronte di una costante riduzione delle risorse idriche locali ha visto, tra l’altro, il rifornimento dei principali e strategici depositi e serbatoi dell’area con autobotti che nelle settimane più critiche hanno trasportato dall’Impianto di Potabilizzazione dell’Anconella al Chianti oltre 1.000 mc al giorno (equivalenti nelle punte massime a circa 10 l/s di portata).
     

    ULTIMATI I LAVORI PER PORTARE PIU’ ACQUA

    DA FIRENZE AL CHIANTI

    Uno degli interventi più importanti tra quelli previsti per aumentare la risorsa a disposizione del Chianti è il potenziamento del collegamento tra l’Impianto di potabilizzazione dell’Anconella e la dorsale del Chianti. Un lavoro diviso in due step principali.

     

    1) Potenziamento booster Anconella
    L’intervento è stato completato a luglio 2012. Con questo intervento è stata potenziata la capacità di spinta dall’Impianto di Potabilizzazione dell’Anconella verso il Comune di Bagno a Ripoli ed il Chianti. Prima del lavoro la capacità massima di spinta era di 140 l/s oggi dall’Anconella possiamo spingere 180 l/s con un incremento di 20 l/s per l’area del Chianti e 20 l/s per il Comune di Bagno a Ripoli. Proprio il Comune di Bagno a Ripoli è stato motore essenziale nella realizzazione dell’opera agevolandone gli iter autorizzativi e dando sempre la massima disponibilità e collaborazione a Publiacqua. Il costo dell’intervento è di circa 100 mila euro.
     

    2) Potenziato il collegamento Capannuccia – Villa Caprera – Fabbiolle – Sante Marie
    Con la conclusione di questo lavoro, per il quale gli interventi preliminari erano iniziati a luglio, è stata appunto potenziata la dorsale che trasporta acqua verso il Chianti e che è così in grado di sfruttare al meglio le potenzialità del già citato nuovo booster dell’Anconella, portando un incremento di 20 l/s (raggiungendo fino a 100 l/s di capacità) verso Capannuccia e di qui, da un lato, verso Greve in Chianti (Villa Caprera) e, dall’altro, verso la direttrice Impruneta-San Casciano Val di Pesa-Tavarnelle Val di Pesa-Barberino Val D’Elsa (Sante Marie). Questo intervento ha comportato un investimento di circa 300 mila euro. L’intervento specifico sull’accumulo di Villa Caprera (sostituzione tubazioni, installazione nuovo gruppo elettropompe) comporterà invece un investimento di circa 250 mila euro.

    Lo sforzo di Publiacqua per mettere il Chianti in sicurezza di fronte ai cambiamenti climatici non si esaurisce però con gli interventi appena descritti. "Premesso – ha spiegato D'Angelis – che le risorse locali rimangono assolutamente strategiche e che quindi l’azienda punta a valorizzarle al massimo, altre opere sono in corso di realizzazione ed altre sono state concluse nelle ultime settimane". Ecco nello specifico gli altri interventi per il Chianti.
     

    Potenziamento  del collegamento S. Antonio – Le Sibille
    Questo lavoro è iniziato l’8 agosto scorso. E’ un intervento che, pur già presente nei piani aziendali, è stato anticipato, anche grazie al lavoro congiunto di azienda e Comune di Impruneta sui necessari iter autorizzativi, come opera essenziale tra quelle individuate di concerto con la Regione Toscana per affrontare  la siccità. I lavori sono iniziati con dei sondaggi preliminari e stanno proseguendo con un primo lotto di interventi per la sostituzione della vecchia tubazione del diametro di 125 mm con una nuova conduttura di 250 mm di diametro. Il primo step dell’intervento di potenziamento della rete è partito da Piazza Buondelmonti (lato Biblioteca Comunale) fino ad intercettare la tubazione a suo tempo posata per la superstrada idrica in via di Cappello, per circa 700 metri di lunghezza. Successivamente sarà realizzato l’ultimo tratto che attraverserà Piazza Buondelmonti per collegarsi alla tubazione che già corre lungo la strada provinciale.

     

    Raddoppiando la dimensione del sistema acquedottistico di collegamento tra il deposito di S. Antonio e la Centrale Le Sibille di San Casciano Val di Pesa, sarà possibile incrementare notevolmente la risorsa a disposizione del Chianti fiorentino. Circa 5 l/s in più che da subito saranno disponibili per i Comuni di San Casciano Val di Pesa, Barberino Val D’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa, grazie alla interconnessione  già realizzata negli anni scorsi. Complessivamente saranno sostituiti circa 1,2 chilometri di rete per un investimento di oltre 350 mila euro. Il primo lotto sarà ultimato entro la fine del 2013.
     

    Realizzazione collegamento Greti – Greve in Chianti
    A fine ottobre è stato ultimato il nuovo collegamento tra il campo pozzi di Greti ed il Comune di Greve in Chianti attraverso una tubazione DN 200. Un intervento strategico per il Comune di Greve e che ha richiesto un investimento di circa 200 mila euro.
     

     

    Altri interventi
    – Tra gli altri interventi sono da segnalare la sostituzione della tubazione DN 100 di via Conca d’Oro a Panzano in Chianti (circa 30 mila euro)
    – Sono iniziati nella giornata di lunedì 20 agosto e si stanno concludendo in questi giorni i lavori di perforazione di due nuovi pozzi realizzati in loc. La Botte, nel Comune di San Casciano Val di Pesa (circa 150 mila euro)
    – E' stata realizzata la distrettualizzazione della rete idrica del capoluogo del Comune di San Casciano e della frazione Sambuca per un investimento complessivo di oltre 110 mila euro.
    – Sempre da lunedì 20 agosto è iniziata una campagna a tappeto di ricerca perdite su tutto il territorio del Chianti. Un’attività che si somma a quella normalmente svolta dall’azienda e che ha la finalità di preservare la risorsa e migliorare la distribuzione della stessa. L’investimento in questo caso è di circa 65 mila euro.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...