spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le opposizioni al sindaco: “Vigili (e multe) ai mercati settimanali di Tavarnuzze e Impruneta”

    Mozione di Chiara Innocenti (Gruppo Misto), Flavia Maurri (M5s), Gabriele Franchi (Cittadini Per Impruneta), Roberto Viti (Obbiettivo Comune): "Sono una giungla di anarchia"

    IMPRUNETA – Quattro consiglieri comunali di opposizione a Impruneta (Chiara Innocenti Gruppo Misto, Flavia Maurri del M5S, Roberto Viti di Obbiettivo Comune e Gabriele Franchi di Cittadini per Impruneta) chiedono all’amministrazione comunale, in una mozione, la presenza dei vigili dei mercati settimanali di Impruneta e Tavarnuzze.

    Partendo dalla premessa secondo la quale “durante le mattinate di svolgimento del mercato settimanale nei due principali centri del comune (Impruneta, il sabato, e Tavarnuzze, il mercoledì), il caos regna sovrano”.

    “L’elevato numero di persone presenti – proseguono – comporta come conseguenza un elevato numero di veicoli, i quali affollano piazza Buondelmonti, piazza Don Chellini e le vie adiacenti sostando ovunque e non rispettando il codice della strada. Tale situazione si verifica puntualmente ogni mercoledì e sabato mattina da molti anni, se non decenni, rendendo il momento del mercato una giungla di anarchia”.

    “La principale responsabilità di questo atavico caos – puntualizzano – risiede evidentemente nella maleducazione e dell’inciviltà dei singoli, i quali, ben consapevoli dei divieti e delle norme, preferiscono lasciare l’auto in doppia fila o sulle strisce pedonali piuttosto che andare a parcheggiarla poche centinaia di metri più lontano nei posteggi predisposti”.

    “E’ altresì indiscutibile – sottolineano – che le infrazioni fioccano e si mantengono laddove vi è la più totale o quasi mancanza di interventi repressivi. Come recita un detto diffuso tra gli imprunetini, “i vigili il sabato/mercoledì mattina non ci sono mai”, e ciò corrisponde purtroppo a triste verità. E’ rarissimo trovare la polizia municipale attiva nel vigilare e fare contravvenzioni, e ciò rafforza inevitabilmente le cattive abitudini dei cittadini”.

    “L’incontrollata presenza di veicoli mal parcheggiati – evidenziano – genera ogni volta una situazione invivibile per i cittadini, anche e soprattutto per il pericolo che ne deriva, in primo luogo per i pedoni”.

    “Le lamentele – rilanciano – da sempre molto forti, si sono fatte ancora più intense nelle ultime settimane. Momenti così importanti per la socialità di Impruneta e Tavarnuzze, così rilevanti da un punto di vista socio-economico, e così affollati, richiedono una gestione adeguata da parte dell’amministrazione comunale, e una simile gestione non può esserci se non si ricorre ad un utilizzo diverso della polizia municipale”.

    “Sta alla forza pubblica – incalzano i consiglieri di opposizione – intervenire laddove si verificano infrazioni del Codice della Strada: attuare tali interventi con regolarità nel tempo può servire anche a generare mutamenti nelle abitudini sbagliate dei cittadini”.

    Viene chiesto quindi a sindaco e giunta di “garantire la regolare presenza della polizia municipale in occasione del mercato ad Impruneta il sabato mattina e del mercato a Tavarnuzze il mercoledì mattina”.

    “Dando disposizioni – concludono – affinché vengano effettuate le contravvenzioni ai veicoli in sosta vietata. E si garantisca una più fluida gestione del traffico: a tutela dei cittadini e dei centri storici del capoluogo e della principale frazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...