spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le ragazze dell’Educandato del Poggio Imperiale omaggiano i soldati al cimitero americano

    Insieme al presidente Giorgio Fiorenza e al commissarrio straordinario Francesca Calamandrei è stata scelta una data simbolo: sabato 11 settembre

    FALCIANI (IMPRUNETA) – Le “ragazze del Poggio Imperiale”, accompagnate dai genitori, hanno presenziato, sabato 11 settembre, insieme al presidente dell’Educandato della SS Annunziata, Giorgio Fiorenza e al commissario straordinario Francesca Calamandrei, alla cerimonia di deposizione di un cuscino di fiori alla base del sacrario che ricorda i soldati americani caduti nella seconda guerra mondiale, per la liberazione del nostro Paese.

    “La data scelta non è stata comune – dicono dall’Educandato – perché ricadeva nel ventennale dal vile attentato delle due torri gemelle a New York”.

    A concludere  la cerimonia un minuto di silenzio, ancor più emozionante per il sottofondo sonoro: prima l’inno americano e poi quello italiano. A seguire, il discorso di Fiorenza.

    “Sono momenti come questi che fanno crescere – ha detto il presidente dell’Educandato della SS Annunziata – Studiando l’accaduto si acquisisce la consapevolezza di quali siano gli errori da non replicare. E le cose buone da potenziare e migliorare”.

    “Il vile attacco di venti anni fa – ha proseguito – doveva demolire le certezze, fare abbassare la guardia, far vivere nel terrore. La reazione è stata invece completamente opposta. Tutto il mondo si è unito contro il terrorismo: e quegli uomini senza Dio, senza coscienza e senza cuore, sono stati combattuti e sconfitti”.

    “I nostri figli – ha rilanciato – devono poter discutere sui fatti accaduti e trarne conclusioni. I ragazzi del Poggio lo faranno con la predisposizione di una tesina. Il cimitero americano ed il suo sacrario, in ricordo di giovani ragazzi che hanno attraversato l’oceano per venire a liberarci e che per questo hanno dato la vita, il sacrario realizzato alla base di ground zero con i nomi dei caduti nel vile attentato delle due torri gemelle, non sono un posto dove piangere i caduti”.

    “Ma un luogo – ha aggiunto ancora – dove acquisire la forza di reagire, la consapevolezza di andare avanti e la certezza che la stupidità e la cattiveria umana non prevarranno mai sulla volontà dei giusti”.

    “Studiare il nostro passato – ha detto ancora Fiorenza – per realizzare nel presente, proprio partendo dalla scuola, fucina di molteplicità di saperi, il progetto per un futuro di condivisione, fratellanza ed uguaglianza tra i popoli”.

    “Stessa formula – ha tenuto a specificare – da adottare per combattere anche la mafia. Anche per questo ho coniato un nuovo modo di dire . Non dico più che la legge non ammette ignoranza, ma è l’ignoranza che non ammette la legge”.

    “Al Poggio ci stiamo provando – ha concluso – a progettare il futuro delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi. Conoscere: per smettere di apparire ed iniziare ad essere”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...