spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Un comune unito nel segno del degrado”: la Lega Nord ha nel mirino Calamandrei

    Il Carroccio ha nel sindaco imprunetino il bersaglio n.1: stavolta si parte da via Imprunetana per Pozzolatico...

    CASCINE DEL RICCIO (IMPRUNETA) – E' ormia un attacco frontale. Un vero e proprio stillicidio quotidiano. La Lega Nord, che da poco tempo ha organizzato un coordinamento chiantigiano, ha nel comune di Impruneta e nel sindaco Alessio Calamandrei il bersaglio principale.

     

    Stavolta a passare sotto la lente del Carroccio chiantigiano è la strada che collega Cascine del Riccio a Impruneta, la via Imprunetana per Pozzolatico. E non solo: è una panoramica impietosa su tutto il territorio comunale.

     

    "Non si può non notare – afferma Lorenzo Somigli coordinatore Lega Nord Chianti – non si può ignorare perché avanza, giorno dopo giorno cresce inesorabilmente, si appropria di sempre più angoli del nostro borgo: ci riferiamo al degrado. Negli ultimi giorni ci sono pervenute copiose segnalazioni riguardanti proprio questo ospite indesiderato nelle frazioni di Tavarnuzze ed Impruneta e ad un rapido esame ciò trova agili conferme".

     

    "Se da una parte non mancano buche nel manto stradale di piazza Nuova e persino della centralissima piazza Buondelmonti" fa eco Matteo Ottanelli, referente Lega Nord Impruneta – dall'altra, non se la passano bene le aree più periferiche: vicino il Ponte sulla Cassia e via Barducci (la piccola zona artigianale) nelle aiuole e nel parco giochi di Tavarnuzze, zona frequentata da famiglie e soprattutto bambini, si può fare un'insolita collezione poiché si annoverano siringhe, preservativi e varie".

     

    "Non ci dimentichiamo infine di via Leopoldo Vanni – conclude Ottanelli – in condizioni pietose da oltre un anno; per non parlare della strada che porta dalle Cascine del Riccio a Impruneta passando per Mezzomonte e Pozzolatico: strade sconnesse transenne muretti crollato erbacce che avanzano nei canali di scolo".

     

    "A nostro avviso – continua Somigli – sarebbe importante tenere conto di tutto ciò che riguarda il territorio quand'anche si tratti di piccoli problemi come quelli riportati troppo spesso invisibili agli occhi di sindaci che preferiscono il palazzo alle strade".

     

    "Ci auguriamo pertanto – conclude – che la nostra segnalazione venga presa a cuore dall'amministrazione e comunicata agli uffici competenti per un corretto ripristino".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...