spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo il botto dell’Ape Poker, un residente di Mezzomonte scrive al vincesindaco Joele Risaliti

    IMPRUNETA – L'incidente che sabato 21 settembre ha visto coinvolto, lungo la via Imprunetana per Pozzolatico all'altezza della frazione di Mezzomonte, un'Ape Poker con a bordo due muratori (uno dei due è rimasto gravemente ferito e trasportato all'ospedale di Ponte a Niccheri con l'elisoccorso Pegaso, clicca qui per leggere l'articolo), ha riportato in primo piano la sicurezza del piccolo borgo di case.

     

    Tanto che un residente, Paolo Luzzi, ha preso (come si usava dire una volta) carta e penna e ha scritto al vicesindaco imprunetino Joele Risaliti. Evidenziando "il pericolo a cui costantemente sono esposti gli abitanti di questa frazione, dovuti l'eccessiva velocità dei mezzi in transito che non rispettano i limiti imposti per i centri abitati".

     

    "L'incidente di sabato – scrive Luzzi – è solo la punta dell'iceberg di continui ripetuti pericoli scampati  da pedoni o auto in uscita dal parcheggio".

     

    "In particolare – evidenzia il residente al vicesindaco – parlo della curva pericolosa fra due muri in ingresso a Mezzomonte da Impruneta. E' sempre molto difficile riuscire ad attraversare la via Imprunetana,  o ad uscire dal parcheggio, perché le auto transitano sempre troppo veloci in entrambi i sensi. E stavolta devo dire che è andata bene che il mezzo che ha urtato nel muro non abbia coinvolto pedoni in transito".

     

    "A mio parere – conclude – senza ricorrere ad autovelox o ad altri mezzi coercitivi, un semplice indicatore di velocità che indichi a quanto stai andando potrebbe indurre i distratti a ridurre la velocità e rendere più facile la vita a chi abita in questa frazione dimenticata".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...