spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dalla chiesa: “Costretti ad apporre un cartello contro gli incivili che creano danni e disturbano le funzioni”

    IMPRUNETA – Una lettera, indirizzata al sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei e al comandante della polizia municipale Simonetta Piani, per chiedere attenzione e rigore nel tutelare la sacralità della Basilica di Santa Maria all'Impruneta e dei suoi Loggiati.

     

    Ad "accompagnare" (con una segnalazione al nostro giornale) la lettera inviata dal proposto don Luigi Oropallo, anche  Maria Teresa Lombardini, ex consigliere comunale, molto attenta alle questioni imprunetine. In particolare su decoro e rispetto della tradizione e dei luoghi sacri, religiosi, comunitari.

     

    Una lettera scritta "visto il perdurare – si legge – di una totale mancanza di civiltà e di rispetto da parte di cittadini che sostano all’interno o in prossimità del Loggiato antistante la Basilica dei danni causati dalle pallonate alle strutture della chiesa".

     

    Sottolinea "il disturbo che gli schiamazzi arrecano in occasione delle funzioni religiose, nonostante ripetuti richiami ad un comportamento più confacente del luogo sacro".

     

    Tanto da essere, si legge ancora, "obbligati ad apporre, all’interno del Loggiato, un cartello del seguente contenuto: PROPRIETA’ PRIVATA – LUOGO SACRO – DIVIETO ASSOLUTO: GIUOCO DEL PALLONE E SCHIAMAZZI".

    "Con la certezza in una valida collaborazione da parte dei servizi preposti di codesta amministrazione – conclude la lettera – essenziale per dare risposta alla maggior parte della popolazione imprunetina, silenziosa e troppo remissiva, porgo deferenti ossequi".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua