spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Durissimo Riccardo Lazzerini (Il Coraggio di Cambiare): “Immobilismo drammatico… o peggio”

    IMPRUNETA – Non poteva certo passare inosservata a Impruneta la chiusura dei Loggiati del Pellegrino (e quindi della mostra del cotto ospitata da settimane) a causa di una infiltrazione dal tetto.

     

    Mentre l'amministrazione comunale imprunetina riflette sul da farsi (visto che i Loggiati sono destinati ad essere sede di importanti lavori di riqualificazione si valuta se e come intervenire in questa fase), l'opposizione non sta certo a guardare.

     

    E le bordate arrivano dal capogruppo de Il Coraggio di Cambiare, Riccardo Lazzerini: "Nei primi mesi della nuova amministrazione – dice partendo subito in quarta in un velenoso post su Facebook – devo registrare un drammatico immobilismo… anzi peggio".

     

    E poi spiega il suo punto di vista: "Dopo la "sepoltura" della Pinetina di Tavarnuzze, le indennità alle "truppe cammellate" dei funzionari comunali, la chiusura della Materna di via Roma… oggi abbiamo anche la chiusura della Mostra del Cotto sotto i Loggiati del Pellegrino per infiltrazioni d'acqua dal tetto".

     

    "E… avanti così – ironizza – ancora tetti che fanno acqua e transenne che strizzano l'occhio a pensiline. Come se non bastasse, il consiglio comunale sul bilancio (preventivo!) sarà il 26 settembre, ad appena 3 giorni dalla Festa dell'Uva; fuori dagli occhi dei più, ovviamente distratti dalla sopra citata e amata festa".

     

    "Libertà è partecipazione – conclude riprendendo ironicamente lo slogan della campagna del elettorale del sindaco Alessio Calamandrei – o meglio, l'importante è che partecipino i soliti… pochi".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...