spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un convegno in cui si è parlato dell’unica esperienza attiva in Europa

    Il Movimento 5 Stelle di Impruneta si “allena” al concetto di democrazia diretta: per questo motivo mercoledì 22 maggio ha organizzato una conferenza tenuta dal professor Daniele Cardelli, docente universitario e psicoanalisa junghiano, che ha illustrato come si svolge l’unica assise di democrazia diretta ancora oggi attiva in Europa.

     

    "Il professore – ci racconta Antonio Gattamelata, candidato al consiglio comunale per il M5S imprunetino – ha mostrato un video che illustrava tutte le operazioni di voto nel cantone. Una volta all’anno, la prima domenica di maggio, i cittadini che hanno diritto di voto si riuniscono in  piazza e seguendo un rituale che dura invariato da 720 anni votano per alzata di mano le leggi cantonali, compresi il bilancio preventivo, consuntivo e le leggi fiscali".

     

    "E’ una forma di democrazia diretta – prosegue Gattamelata – che, secondo gli studi di Cardelli, potrebbe essere esportata anche in Italia, a partire da piccole realtà locali suddivise in unità amministrative (ad esempio i rioni o le contrade). La serata è stata un successo ed ha appassionato gli uditori, che hanno posto molte domande, in particolare come poter applicare un metodo così “rivoluzionario” per il nostro ordinamento giuridico".

     

    "Oltre ai candidati e agli attivisti del Movimento 5 Stelle – conclude – erano presenti anche altri esponenti di alcune liste civiche di Impruneta. Il nostro comune conta circa 15.000 abitanti, più o meno come quelli del cantone svizzero: chissà se un giorno anche da noi non si riesca ad applicare una forma di democrazia diretta simile a quella svizzera! Funzionerebbe questo metodo anche in Italia? Utopia o realtà?"

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...