spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo la rinuncia di Silvano Salvatici il Magistrato della Confraternita ha deciso

    IMPRUNETA – Come da pronostico il Magistrato della Misericordia di Impruneta, riunitosi ieri sera (lunedì 9 dicembre), ha confermato Piero Alfani (in foto) Provveditore della Confraternita.

     

    Si trattava di una seconda votazione da parte dell'organo di governo dell'associazione: dopo quella di alcune settimane fa, che aveva indicato in Silvano Salvatici il nuovo Provveditore (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Salvatici che però non se l'è sentita e ha rimesso il suo mandato, appena assegnato, nelle mani del Magistrato (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "Con grandissima maggioranza – fa sapere in una nota la Misericordia di Impruneta – è stato nominato Provveditore il signor Piero Alfani (per l'ennesima volta); vice Provveditore il signor Claudio Vestri, segretario il signor Alberto Moretti".

     

    "Si sono così ricostituiti – prosegue la nota – serenamente e senza problema alcuno, tutti gli organi statutari della Misericordia smentendo di fatto e in modo completo le illazioni circolare sulla stampa in questi giorni, che volevano "una Misericordia nel caos", dilaniata da chissà quali lotte intestine".

     

    "Nulla di tutto ciò – conclude la nota – La Misericordia è una istituzione democratica; nulla è imposto dall'alto. Si vota liberamente, sempre e solo con l'intento di operare nell'interesse di chi ha bisogno. Con buona pace di coloro che volevano speculare su una situazione inesistente".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...