spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mamma picchiata (più volte) dal figlio lo denuncia: “Deve curarsi, aiutatemi”

    Arrestato dai carabinieri. Il giudice lo ha rimesso in libertà con il divieto di avvicinarsi alla madre nel raggio di un km

    IMPRUNETA – C'è un mondo di dolore e di disperazione dietro le poche righe di cronaca che trovate qui di seguito.

     

    Nella tarda mattinata di ieri, lunedì 14 gennaio, i carabinieri della Stazione di Impruneta hanno arrestato un cittadino italiano, classe 1983, residente a Impruneta, poiché aveva per l’ennesima volta maltrattato e aggredito la propria mamma, procurandole lievi lesioni.

     

    La vittima, che in precedenza si era recata presso la Stazione dei carabinieri di Impruneta per denunciare i maltrattamenti subiti dal figlio, avvenuti nelle scorse giornate del 2, 10 e 11 gennaio, dopo essere stata nuovamente aggredita, ha richiesto l’intervento dei militari.

     

    Che hanno fermato il 36enne dichiarandolo in stato di arresto per maltrattamenti in famiglia. Il rito direttissimo, concretizzatosi anch'esso nella giornata ieri, lo ha rimesso in stato di libertà con il divieto di avvicinamento alla madre nel raggio di un km.

     

    Madre che ha contattato la redazione del Gazzettino del Chianti per raccontare, con discrezione e disperazione, quello che c'è dietro a una situazione drammatica come questa. Perché, da mamma, vuole che se ne conosca il motivo scatenante.

     

    "Ho fatto il possibile e l'impossibile – ci racconta la donna, che ha perso il marito da tempo – Ha un disturbo bipolare diagnosticato da molti anni: non è cattivo, è malato. Il problema in casi come questi è far sì che si curi con regolarità".

     

    "Se prende le medicine sta bene – racconta – e possiamo vivere una vita quasi normale, decente. Però smette subito, appena sente di stare meglio. E io devo pregare perché le strutture mi aiutino a far sì che si curi, ma è difficilissimo: da mamma mi sento di dirlo, sono sola di fronte a tutto questo".

     

    E' una storia di una tristezza profonda. Di paure. Di dispiacere. Di finestre, vetrate, televisioni rotte.

     

    Di una mamma che è stata costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso. E poi, esasperata e impaurita, ha chiamato i carabinieri: "In casa insieme non potevamo più stare".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...