giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Marco e un album (8 canzoni) che ha come titolo il codice di avviamento postale di Impruneta: “50023”

    "In 8 tracce ho voluto racchiudere tutti i miei stati d'animo, tutte le sensazioni brutte e belle che ci circondano"

    IMPRUNETA – Si chiama Marco, ha 21 anni, è di Impruneta, ed ha appena concluso il suo primo album: “Album – ci dice – che ho voluto intitolare “50023”, come il nostro codice di avviamento postale”.

    “L’album contiene 8 tracce – racconta ancora Marco – e vi ho voluto racchiudere tutti i miei stati d’animo, tutte le sensazioni brutte e belle che ci circondano”.

    🎧 “50023”: QUI UN… ASSAGGIO

    “Le tracce  sono tutte molto riflessive – aggiunge Marco – ad esempio i miei amici, che ringrazio del supporto, mi hanno rivelato che amano ascoltare i miei brani per rilassarsi e stare un po’ con loro stessi”.

    “Ci sono voluti tanti sforzi e tanti sacrifici per arrivare alla fine del progetto – ammette – progetto che dovuto abbondare per più volte, causa lavoro e incomprensioni di vario genere con la mia vecchia crew; sono stato tentato più volte di lasciarlo”.

    “Ma alla fine – rilancia – mi sono detto che in quelle tracce era presente una parte di me stesso e che a volte una canzone, per quanto inutile possa sembrare, può salvare una persona, renderle la giornata più bella”.

    “O semplicemente – conclude Marco – può piacere e basta”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino