spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il consigliere comunale Lazzerini torna ad occuparsi del contestatissimo cantiere

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – La foto che vedete qui sopra è stata scattata dal consigliere comunale Riccardo Lazzerini, capogruppo de Il Coraggio di Cambiare, gruppo consiliare di opposizione che ha posto al centro della sua attività politica post-insediamento la gestione del cantiere per la nuova piazza di Tavarnuzze.

     

    "Premesso che le questioni centrali sono forse altre – dice Lazzerini – e penso ai pini tagliati dalla mattina alla sera o all'osservatorio sui lavori per la nuova piazza, che abbiamo votato tutti in consiglio comunale e che ancora non ci è stato comunicato dal sindaco e dalla giunta, devo dire che mi ha fatto tristezza vedere il monumento ai caduti trattato come si vede nella foto".

     

    "Il monumento – dice infatti Lazzerini – sarebbe quel mucchietto bianco al centro della fotografia. Lo riconosco anche perché sono fra i pochi che, ogni anno, vi si recava a deporre la corona".

     

    "Oltre al trattamento durante questi lavori in corso – conclude Lazzerini – che forse poteva essere un po' diverso, mi chiedo anche che fine farà con la nuova piazza. Ci pare infatti di non averlo visto collocato da nessuna parte nei "rendering" del progetto…".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...