spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mozione per sala consiliare Impruneta intitolata a Falcone e Borsellino: tensioni in consiglio comunale

    I consiglieri Franchi, Innocenti e Zoppini: "Riprovevoli le dichiarazioni del consigliere del Pd Menicacci. Dovrebbe dimettersi"

    IMPRUNETA – “Ripresentiamo una mozione (già bocciata) in Consiglio comunale per l’intitolazione della sala consiliare a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. La mozione stavolta per fortuna passa, sebbene si distinguano i riprovevoli voti contrari dei consiglieri Cioni, Cappelletti e Menicacci“.

    Iniziano così Gabriele Franchi (Cittadini Per Impruneta) e Matteo Zoppini (FdI-centrodestra) e Chiara Innocenti (FdI, attualmente nel gruppo misto) nell’annunciare il passaggio in consiglio della loro mozione. Non senza polemiche.

    “Proprio quest’ultimo – accusano – consigliere comunale del Partito democratico, motiva il suo niet a Falcone e Borsellino dicendo: “La mafia ha colpito solo a sinistra, spesso e volentieri si è dimostrata una collusione tra la mafia e il centrodestra””.

    “Sicuramente – riprendono – la nostra mozione non ucciderà la mafia, come non assesterà alla stessa alcun colpo concreto, ma se solo il nome di Falcone e Borsellino potranno far assaporare alle nuove generazioni – e magari anche a qualche generazione più vecchia – il fresco profumo della libertà, allora noi avremo vinto”.

    “Non lo diciamo nemmeno – concludono – ovviamente, ma in un qualsiasi comune minimamente normale il sindaco Alessio Calamandrei dovrebbe prendere le più totali distanze dal consigliere Menicacci e, questo, dovrebbe immediatamente dimettersi”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua