spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Museo Festa dell’Uva di Impruneta: domenica intitolazione di una saletta alla memoria di Luca Gasparri

    E' quella dei “Cimeli ed Etichette D’Autore”: porterà il nome dell'ex presidente del Pallò e dell'Ente Festa dell'Uva, scomparso nel maggio scorso

    IMPRUNETA – Fra gli eventi, tantissimi, di avvicinamento all’edizione 2022 della Festa dell’Uva di Impruneta (spostata da domenica 25 settembre a domenica 2 ottobre a causa delle elezioni politiche) uno in particolare racchiude in sé significati profondi.

    Avverrà domenica 18 settembre. Quando, dalle ore 10, si terrà l’intitolazione della Saletta del Museo della Festa dell’Uva, quella dei “Cimeli ed Etichette D’Autore”, alla memoria di Luca Gasparri.

    Uno spazio, quello all’interno del museo che si affaccia su piazza Buondelmonti, che da domenica prossima porterà il nome dell’ex presidente dell’Ente Festa dell’Uva e del rione del Pallò.

    Scomparso nel maggio scorso, Gasparri ha rappresentato per anni, decenni, una delle anime profonde della Festa dell’Uva.

    Con passione, senso di militanza, ma anche attenzione al contesto generale e alla Festa nel suo insieme.

    Quello di domenica prossima quindi, oltre ad essere gradito, è un atto quasi… dovuto.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...