spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    ©MUSIWACAER: aperti i lavori del convegno internazionale di ceramica alla Fornace Agresti

    Presente anche Marco Ciatti, direttore dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze

    IMPRUNETA – Si è aperto oggi, martedì 21 novembre all'Antica Fornace Agresti di Impruneta, il convegno internazionale di ceramica ©MUSIWACAER (Mosaico-Calce-Ceramica), ovvero “quando l'arte incontra la scienza”.

     

    Presenti: Francesco Chimienti, presidente e art director presso WA © MUSIWA Foundation; il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei; Marco Ciatti, direttore dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze e delegato ufficiale del Ministro ai Beni Culturali Dario Franceschini; Cesare Baccetti, per il Museo della Ceramica di Montelupo; Michele Macchiarola, ricercatore di riferimento per il settore  “Beni Culturali” del Cnr-Institute of Science and Technology for Ceramics di Faenza.

     

    Il convegno si chiuderà venerdì 24 novembre: ©MUSIWACAER nasce dall’incontro tra WA-MUSIWA (Associazione Internazionale Arte, Cultura e Popoli –arte contemporanea), il CNR-Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici (Gruppo Beni Culturali), il Comune e la Pro Loco di Impruneta (Firenze).

     

    Il convegno è anche l'occasione per aprire le porte dell'Antica Fornace Agresti, uno dei luoghi più belli e ricchi di storia e di lavoro di Impruneta, risalente ai primi anni del XVIII secolo, quando gli Agresti, una delle più antiche famiglie di fornaciai, trasferirono qui la loro attività a seguito dell'esaurimento della precedente cava di via della Croce.

     

    Adesso la fornace, di proprietà del Comune, che ne ha curato il restauro, è un luogo magico ed evocativo.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...