martedì 11 Agosto 2020
Altre aree

    No, non avete un’allucinazione: dopo mesi rimossa l’auto abbandonata dopo la morte del proprietario

    Raccontammo questa storia il 22 giugno scorso: a distanza di undici giorni, finalmente, sono arrivati i vigili e un carro attrezzi per "liberare" via di Quintole

    QUINTOLE (IMPRUNETA) – Qualcuno vedendo le foto che pubblichiamo, o passando lungo via Quintole per Le Rose, appena dopo il bivio con la via Imprunetana per Pozzolatico, penserà a una allucinazione.

    Ma come, non c’è più quell’auto in quella posizione assurdamente pericolosa, che per mesi e mesi ha fatto parte del… paesaggio?

    La storia la raccontammo il 22 giugno scorso. Ed era una storia surreale, un mix fra burocrazia, mancanze di risorse, … .

    # Il proprietario è morto: e l’auto è rimasta, da mesi, in questa posizione lungo via Quintole per Le Rose

    Il proprietario era morto. L’auto era rimasta in una piazzola a bordo campo. Qualcuno l’aveva spostata fino a farla sporgere in strada.

    E così era rimasta, per mesi e mesi.

    Tanto che qualcuno aveva preso carta e penna e l’aveva pure tappezzata con un cartello.

    Stamani, finalmente, l’epilogo della vicenda. Con agenti di polizia locale e carro attrezzi che hanno “liberato” questo angolo del comune di Impruneta da una presenza divenuta ormai, oggettivamente, troppo ingombrante. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino