spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo dicono i Verdi per Impruneta: “In particolare nei curriculum dei nominati”

    IMPRUNETA – Una nomina, quella dei membri del nuovo Cda dell'Opera Pia Vanni di Impruneta (clicca qui per leggere l'articolo) che, come evidenziano i Verdi, "come prevedibile ha scontentato qualcuno e suscitato polemiche".

     

    "Non avendo posizioni da difendere o da rivendicare – sottolineano i Verdi per Impruneta – riteniamo che quello che più salta all'occhio in questa vicenda sia la scarsa trasparenza sul curriculum dei "potenziali candidati"".

     

    "Per la scelta dei quattro componenti del Cda – ricordano – nel giugno scorso il Comune ha pubblicato un bando per l'istituzione di un apposito "Albo per le nomine di competenza del Sindaco". Dall'atto di nomina sindacale si apprende che per l'iscrizione all'Albo dei candidati sono pervenute 19 domande, ed è tra queste che sono stati individuati tre dei quattro nominati per l'Opera Pia Vanni".

     

    "La cosa singolare – rilanciano – è che nonostante tra i criteri indicati dal Consiglio Comunale per queste nomine vi sia quello della trasparenza e competenza dei nominati, sul sito Internet del Comune di Impruneta non è consultabile il curriculum nessuno di coloro che hanno richiesto la iscrizione all'"Albo delle nomine"".

     

    "Il quarto nominativo inoltre – concludono – è stato individuato dal sindaco al di fuori di questo Albo (cosa consentita nel caso nell'Albo "non vi siano candidati ritenuti idonei"). Ma anche per questo non è dato sapere da dove il nominativo sia emerso e quale ne sia il suo curriculum. Insomma sul tema della trasparenza, al Comune piace … farsi desiderare".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...