spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le note dei ragazzi risuoneranno nella scuola media Accursio da Bagnolo e nella Fornace Carbone

    I solisti e la musica da camera con gli allievi della Sezione musicale e i bambini del progetto “Musicando”, saranno ospiti alla scuola media Accursio da Bagnolo questa  sera alle 18.30 per il terzo appuntamento di “Note nel cotto 2013”. 

     

    I ragazzi racconteranno “Ignoto a me stesso autoritratti famosi e non…” in un appuntamento dal titolo “Stracotto di note e contorni”.

     

    La terza edizione della rassegna tra musica e parole ribattezzata anche i “concerti del baratto” (una risma di carta come biglietto d’ingresso in cambio di buona musica) ha in calendario un altro appuntamento domani, mercoledì 22 maggio, alle 18.30 presso la Fornace Massimo Carbone: “Flampercussion” è il titolo della serata che avrà come ospiti gli studenti dell’istituto I.C. di Scandicci con i loro giovani percussionisti.

     

    La Fornace Massimo Carbone  farà da cornice alla serata che sarà curata dal professor Luca Marino con gli allievi della Sezione Musicale. I ragazzi racconteranno “Cento passi” in un suggestivo scenario fra sculture, vasi e manufatti proprio nell’ora del tramonto.
     

    L’iniziativa  promossa dall’assessorato alla pubblica istruzione insieme all’Istituto comprensivo P. Levi, ha in calendario altri tre appuntamenti tra  Ville, fornaci e scuole. Per la prima volta quest’anno ha aperto le sue porte alla rassegna anche  la Basilica Santa Maria (in foto l'esibizione della Filarmonica Giuseppe Verdi) e la famiglia Calamai di Monteoriolo ha messo a disposizione il giardino privato per una data.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua