domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    “Orto a scuola” a Impruneta: dai banchi all’orto per capire cosa mangiamo

    Un nuovo progetto per le scuole materne imprunetine, per sensibilizzare i bambini sulla buona alimentazione e all'educazione ambientale

    IMPRUNETA – Parte un nuovo progetto rivolto alle scuole materne del comune di Impruneta, per sensibilizzare i bambini sulla buona alimentazione e all’educazione ambientale.

    L’iniziativa del servizio di ristorazione scolastica, curata da Vivenda Spa, si chiama “Orto a Scuola” e coinvolge tre scuole materne di Impruneta.

    Si parte il 4 maggio con la scuola “Maltoni”, poi il 5 maggio sarà la volta della scuola “Buondelmonti” e, infine, l’11 maggio il progetto si chiuderà con la scuola “Della Robbia”.

    Alla “Maltoni”, l’unica che dispone di giardino interno, insalata e ortaggi saranno piantati direttamente nel terreno mentre nelle altre i dipendenti della ditta di ristorazione porteranno delle casse idonee alla piantatura e coltivazione. Tra settembre e ottobre il progetto toccherà anche le primarie di Impruneta.

    “Sono molto contenta di questa iniziativa – dice l’assessore all’istruzione Sabrina Merenda – per cui ringrazio tutti, che va a corredare le bellissime iniziative delle maestre e i percorsi già attivi su queste tematiche con i bambini”.

    “In questo momento – rimarca – il recupero del contatto con l’ambiente, l’osservazione della crescita di una pianta, di un ortaggio, è sicuramente un incentivo educativo e civico importante. Auguro a tutti i bambini di divertirsi imparando, di scoprire da dove arrivano i prodotti sulla nostra tavola”.

    A ogni incontro con le classi sarà presente Alessia Ravenni, responsabile del servizio dietetico della Vivenda in Toscana, che racconterà, in modo semplice e giocoso, i principi della sana alimentazione, i corretti stili di vita e l’importanza di mangiare verdure ogni giorno, spiegandone le proprietà nutritive.

    Entro il 30 giugno, prima della chiusura delle scuole, la Vivenda proporrà ai bambini delle mense un menu composto dalle verdure e ortaggi che i bambini hanno visto coltivati.

    Naturalmente, per motivi di sicurezza alimentare e protocollo HACCP, saranno utilizzati prodotti acquistati da fornitori certificati.

    Lo scopo del progetto, infatti, è quello di educare i bimbi al consumo consapevole di pietanze che, spesso, possono risultare a loro più ostiche da mangiare.

    L’iniziativa “Orto a scuola” rientra in quadro più ampio di progettualità che la Vivenda ha proposto e condiviso con l’amministrazione comunale di Impruneta per sensibilizzare le nuove generazioni comunicando loro valori quali una buona cultura alimentare, l’importanza della filiera corta e dei prodotti regionali che sono determinanti sia in termini di qualità del cibo che di sostenibilità.

    L’iniziativa vuole proporsi come un’attività nella quale i bambini vengono istruiti su come mettersi in “contatto con la natura” approfondendo la conoscenza del mondo vegetale affinché imparino quelle piccole regole dell’alimentazione caratterizzanti la Dieta Mediterranea.

    Massimiliano Leoni, direttore di filiale Toscana per la Vivenda Spa, del gruppo La Cascina: “Da sempre attenti alla crescita sana dei più piccoli, siamo molto felici di poter dare vita a questo nuovo progetto di educazione alimentare che punta ad avvicinare i bimbi a verdure e ortaggi, imparando a conoscerli e apprezzarli anche nel gusto”.

    “Tramite il gioco e il contatto diretto – conclude Leoni – siamo convinti di poter raggiungere l’obiettivo e ringraziamo il Comune di Impruneta e l’assessore per il sostegno dimostrato sempre alla Vivenda per le sue iniziative nutrizionali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...