spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il segretario Lotti: “Il 22 gennaio inviato un documento che ben spiega la nostra posizione”

    Il Partito democratico di Impruneta bacchetta Indignamoci e Sel, che in  una lettera di alcuni giorni fa (clicca qui per leggere l'articolo) avevano lanciato un ultimatum al Pd: "Gli diamo due settimane per farci sapere se la coalizione di centrosinistra si fa oppure no" la sintesi della lettera.

     

    Adesso il Pd imprunetino, in una nota diffusa dal segretario Dino Lotti (in foto), replica: "In merito alla lettera del movimento Indignamoci, approvata e sottoscritta da Sel Impruneta del 30 gennaio, dal suo contenuto si evince che, ultimatum a parte, non sia stato letto il documento del Partito democratico di Impruneta del 22 gennaio, e inviatogli il giorno successivo, nel quale oltre che porre sul tavolo una questione politica, contiene chiarissimamente ogni risposta ai rilievi".

     

    "Il Pd di Impruneta – ribadisce Lotti – come scritto nell'ultimo paragrafo del suo documento, mantiene con convinzione la propria disponobilità al confronto, e se pur fortemente impegnato nella campagna elettorale per le elezioni politiche auspica, senza ultimatum, che ciò avvenga".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...