spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il rione rosso si aggiudica l’edizione 2013 del “Peposo Day” sotto i loggiati del Comune

    IMPRUNETA – Erano molte le novità del "Peposo Day" di quest'anno, la gara fra i quattro rioni di Impruneta che incorona quello che prepara il miglior piatto della tradizione imprunetina.

     

    La location: essendi indisponibili i Loggiati del Pellegrino quest'anno la manifestazione si è svolta sotto quelli del Comune. La giuria: composta per la prima volta, assieme al sindaco, da un cuoco per ogni rione (l'assaggio è ovviamente al "buio").

     

    Carne (rigorosamente nel muscolo), grasselli (l'olio è bandito), pepe (in grani secondo la ricetta originale, visto che lo preparavno i fornacini che alla fine recuperavano la preziosa spezia), aglio, sale, vino rosso corposo. Niente pomodoro, come da disciplinare elaborato negli anni scorsi assieme all'Accademia di Cucina. E ore di cottura.

     

    Alla fine il miglior Peposo dell'edizione 2013 l'ha preparato il rione rosso delle Fornaci, che non aveva mai vinto la gara. A seguire il rione del Pallò, poi quello delle Sante Marie e del Sant'Antonio.

     

    Tutto intorno, mentre la giuria finiva di "esaminare" i Peposi, grande degustazione collettiva, con assaggi da ogni rione accompagnati dai vini della zona.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...