mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Piange tutta l’Impruneta: si ferma uno dei cuori rionali per eccellenza. Addio Chicco

    Silvano Lapini, per tutti Chicco, rionale delle Sante Marie, si è spento dopo una lunga malattia: il ricordo dell'Ente Festa dell'Uva

    IMPRUNETA – Piange il rione delle Sante Marie. Piange tutta l’Impruneta dei rioni e della Festa dell’Uva.

    Dopo una lunga malattia si è fermato per sempre uno dei cuori che hanno battuto fortissimo per la grande festa del popolo imprunetino.

    Quello del Chicco, che sul rione mariano è stato, da sempre, considerato una istituzione.

    E’ più povera, da oggi, quella piazza Nova culla del rione azzurro. Dove “il Chicco” ha passato, mettendo insieme i giorni, mesi e mesi della sua vita.

    E anche negli anni, durissimi, della malattia, non sono mai mancate le visite al suo capezzale, le chiamate, i collegamenti, le dediche in piazza nell’ultima domenica di settembre.

    “Se ne va – scrive l’Ente Festa dell’Uva – un grande personaggio, uno di quelli che hanno impersonificato il vero spirito della nostra Festa”.

    Silvano Lapini – ricordano – ma per tutti Chicco, era e rimane una persona straordinaria che ha dato tanto anche alle nuove generazioni, un esempio di correttezza e lealtà da tutti stimato e amato”.

    “L’Ente Festa dell’Uva e la presidente del rione delle Sante Marie – si conclude – si stringono idealmente alla sua famiglia, al suo Rione e a tutto il mondo della Festa dell’Uva che oggi perde uno dei suoi esponenti più simbolici e importanti!”.

    # L’addio delle Sante Marie: “Ciao Chicco, sarai per sempre il nostro punto di riferimento”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...