mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    L’addio delle Sante Marie: “Ciao Chicco, sarai per sempre il nostro punto di riferimento”

    "Tu sei la persona che più di tutte in Piazza Nova “è” e non “c’è”, l’esempio vivente di cosa voglia dire “noi sèmo, gl’attri a i’ massimo c’ènno"..."

    IMPRUNETA – Non poteva certo mancare il saluto mariano. Di quel rione di cui Chicco, Silvano Lapini, ha rappresentato l’essenza.

    Un saluto che arriva con una commovente lettera aperta. Di quel rione, le Sante Marie, che Chicco lo ha avuto sempre accanto anche negli anni della malattia.

    # Piange tutta l’Impruneta: si ferma uno dei cuori rionali per eccellenza. Addio Chicco

    Ciao Chicco, come stai oggi?… “Meglio”?

    Noi no. Noi ci sentiamo vuoti, soli.

    Da questa mattina stiamo cercando le parole giuste ma non è facile trovarle… . Non esistono parole giuste per questi momenti.

    Oggi forse sarebbe il giorno più giusto per ascoltare quel silenzio che fa così tanto rumore.

    Il cuore si riempie di tristezza e la testa di mille ricordi indelebili che nessuno ci porterà più via…

    Tu sei la persona che più di tutte in Piazza Nova “è” e non “c’è”, l’esempio vivente di cosa voglia dire “noi sèmo, gl’attri a i’ massimo c’ènno”, e fra tutte queste parole la più giusta per te è proprio “esempio”.

    Ecco, è proprio questo che tu sei stato per tanti di noi: sei quello che tutti amano alle Sante Marie e che tutti sognano di diventare.

    Tu hai incarnato il senso più vero di “Sante Marie”: sei stato una persona buona, senza ipocrisie, vera e soprattutto verace come il tuo modo di esprimerti, di vivere, di darti agli altri… .

    Leader indiscusso, ma senza diplomazia, quella inutile, quella che quando c’è da farsi capire va messa da parte. Tu eri così, senza filtri, ma con una sensibilità fuori dal comune.

    Non si può esprimere in poche righe quello che tu hai dato ad ognuno di noi. Il tuo arrivo in Piazza Nova a settembre inoltrato per molti segnava il vero inizio della festa, perché non c’è Festa dell’Uva senza Chicco, ed è per questo che oggi ci sentiamo così soli…

    Ci hai insegnato tanto in Piazza Nova, ma alla fine anche nella vita, magari con parole che strappavano un sorriso ma non potevano essere più calzanti di così, ed ogni occasione ogni volta è buona per citarle ancora e sentirti tra noi.

    Tu non sei mai andato via, tanto meno oggi.

    Di quel rione che già ci manca, e adesso che lasceremo la Piazza Nova ci mancherà ancora di più e per sempre, prendi tutta la magia che ci ha dato e portala con te, in modo da sapere dove ritrovarla un giorno…

    E tu sarai lì ad aspettarci, con la tuta Pirelli scolorita, a condividere tutto questo con chi ti sta già aspettando da un pò e da oggi si divertirà ancora di più…

    Abbiamo condiviso con te decenni senza vittorie e periodi d’oro vissuti da pochi, ma TU ci hai insegnato a vincere, anzi, a come diventare vincenti, a poco a poco, insegnandoci che è giusto “fare la cureggia per il nostro culo”, come tu ci dicevi sempre…

    Eri una persona rispettabile anche per gli altri rioni: rispettato e riconosciuto, di quella signorilità che si deve all’avversario più anziano, più saggio e sempre onesto.

    Rimarranno storiche anche le tue frasi come “In Piazza Nova siamo tutti uguali ma ‘un è mica vero!!”…

    Ma la più bella resterà sicuramente quella quando nel 2009, con te ritratto su uno dei carri, Vittorio il parrucchiere ti chiese “Cosa fate quest’anno di carri?” e te rispondesti “Si fa un carrettino da terzi o quarti”, ma poi la mattina della festa andasti a comprare casse di spumante ancor prima della sfilata SICURO DELLA VITTORIA che poi realizzammo: questo eri te!

    Recentemente è arrivata la tristezza di vederti vinto da un mostro ingiusto, quello che ti ha portato via e ci ha portato via l’amico più storico che ci potesse essere…

    E allora “Vola Silvano…”, vola alto sopra di noi e guidaci quando questo momento storico da dimenticare sarà veramente passato e torneremo a vivere la nostra più grande passione, ed allora saremo nuovamente felici e tu sarai nuovamente con noi, perché non sei mai andato via, non ci hai mai lasciato.

    Ciao Chicco, sei e sarai sempre IL NOSTRO PUNTO DI RIFERIMENTO! Non ti dimenticheremo MAI!

    Grazie Silvano, ti vogliamo bene, tutti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...