giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Casa popolare in via Capitini: “Da 10 anni piove dal tetto. Anche sui letti”

    L'assessore Cioni: "Casa Spa ha progrmmato gli interventi di riaparazione nei prosimi giorni"

    IMPRUNETA – “Ogni volta che piove, ormai da dieci anni, ci troviamo sempre nella stessa situazione: con l’acqua in casa”.

     

    A parlare è Paola, residente in via Capitini a Impruneta, in una delle abitazioni di Casa S.p.A., la società che progetta, realizza e gestisce il patrimonio do edilizia residenziale pubblica dell’area fiorentina.

     

    Una situazione certamente non facile quella della loro famiglia, che dopo molte avversità si trova davanti l’ennesima difficoltà.

     

    “Quando lo scorso fine settimana è piovuto fortissimo – dice Paola – mia figlia era in casa con noi e si è spaventa tantissimo: le pioveva infatti sul letto”.

     

     

    “Da quando abitiamo qui non sono mai stati fatti i lavori, e ogni volta ci troviamo a fronteggiare diversi problemi – prosegue Paola – per questo sono andata in Comune e ho chiesto se fosse possibile trovarci un’altra sistemazione, oppure procedere ai lavori necessari”.

     

    A ricevere questa famiglia è stata Laura Cioni, assessore ai servizi socio – sanitari, welfare e salute, casa, immigrazione, integrazione delle differenze e pari opportunità, polizia municipale, che subito ha garantito loro il sostegno, soprattutto dall’ufficio che da tempo metti in campo aiuti adeguati.

     

    “Riguardo al disagio vissuto dalla famiglia – spiega l’assessore – vorrei precisare che trattasi di abitazione Erp che necessita di interventi di riparazione. Interventi che già nella prossima settimana saranno effettuati, così come confermato da Casa Spa".

     

    “Per opportuna conoscenza – prosegue – aggiungo che già a luglio la giunta ha dato indicazioni a Casa Spa di procedere ai vari lavori di ristrutturazione per la messa a norma di alcuni appartamenti erp. Pur non rinunciando a trovare risorse per nuove abitazioni, l'impegno primario è quello di ripristinare le abitazioni più fatiscenti attingendo a risorse per un importo di circa 62.000 euro”.

     

    Più in generale, andando oltre alla situazione specifica, “è sempre molto difficile – ammette Cioni – ascoltare le persone in difficoltà, viene subito il desiderio di risolvere i loro problemi. In realtà lo sforzo che l'amministrazione deve assolvere viaggia su due strade, da una parte la presa in carico delle persone disagiate attuando progetti personalizzati, dall'altra cercare d'individuare percorsi generali partendo proprio dai disagi che emergono”.

     

    “E' in questa ottica – conclude – che cerco di lavorare in sinergia con l'ufficio sociale, al quale va tutta la stima per il lavoro capillare che ogni giorno svolge.”

    di Costanza Masini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...